Storie lattose a Madrid

A me una cosa che ha turbato parecchio è stato scoprire che in spagnolo il latte è femminile, e si dice la leche, e si legge la lece.
Che può sembrare che io mi turbo facilmente, e sì, è versissimo che io mi turbo facilmente, ma cambiare il sesso del latte non mi è facile da accettare.
Comunque io devo dire che il latte è una bevanda molto amata dagli spagnoli, che ne fanno uso e abuso nel caffè, con il Colacao, nei dolci (ad esempio il celebrerrimo arroz con leche, nell’immagine) ed ovviamente nella lingua.

Per esprimere sgomento o sorpresa si esclama LA LECHE!
La stessa espressione si utilizza per definire qualcuno incredibilmente sveglio o intelligente, che sarà appunto LA LECHE!
Per indicare un’azione molto rapida, o per dire che bisogna fare in fretta A TODA LECHE!
Una cosa bellissima è DE LA LECHE!
Avere cattive intenzioni, o stare di cattivo umore è TENER MALA LECHE
Ma TENER LECHE significa essere fortunato.
Non capire un cacchio di qualcosa è NO ENTENDER UNA LECHE!
In campo lattifero la Spagna ha sofferto da poco un lutto: la marca LAUKI (della storica industria di Valladolid) si è fusa con la marca President, cambiando così il nome del latte da LAUKI a LACTEL; ecco la prova:

cioè il tuo Lauki di semrpe si chiamerà Lactel
Non ti dico che pippe si sono fatti gli spagnoli per questo cambio!

Bene mio caro amico italiano che vuoi venire a vivere a Madrid, ti saluto dicendo che l’esito del sondaggio sulle mie nuove scarpe mi ha messo davvero de mala leche: NON PIACCIONO A NESSUNO! considerando che io ho votato da 2 pc diversi, quindi 2 volte, che sono bellissime deduco che alla maggior parte dei mie lettori queste scarpe fanno schifo…che delusione!

About Chechi 691 Articoli
Chechi, una pecora che cerca di uscire dal gregge