Posti indimenticabili a Madrid: PEPE EL GUARRO

Ieri sono stata in un posto speciale, che io questo posto qui non lo conoscevo mica e credo che non me lo dimenticherò mai, anche se ad essere onesta stamattina al risveglio già non me lo ricordavo tanto bene…
Si tratta della Cervecería Restaurante Casa Pepe , meglio conosciuto come PEPE EL GUARRO (guarro= porco, sporco, disgustoso), e già il nome è tutto un programma.
PEPE EL GUARRO si trova veramente veramente lontano dal centro, ma io credo che valga la pena prendere un volo low cost e andarci almeno una volta nella vita, perché è un posto talmente chiassoso e autentico che mentre si è lì si perdono tutti i freni inibitori, da PEPE EL GUARRO, e ci si sente davvero bene.

Visualizzazione ingrandita della mappa
Questo posto qui puzza di frittura, è pienissimo di fumo (ricordo che in Spagna si può ancora fumare nei locali pubblici) e c’è un chiasso esagerato, perché oltre a essere strapieno di gente ci sono anche 3 o 4 tv appese alle pareti, e ieri trasmettevano la partita del Real Madrid, che io ero sicura che venisse giù tutto ad ogni GOL.
Ovviamente da PEPE EL GUARRO la birra costa pochissimo, ma la cosa più interessante del posto sono las tapas, che sono di due tipi: o piattoni di ali di pollo fritte ricoperte di sale grosso o piattoni di chorizo con pezzettoni di pane.
Comunque secondo me la cosa più bellona di PEPE EL GUARRO è il pavimento croccante.
Che è il pavimento croccante? È un pavimento interamente ricoperto da fazzolettini e ossicini di pollo, che a ogni passo fa cric-cric sotto i piedi.

Che io insomma non so come si gestisce tutto questa situazione in estate, col caldo soffocante de La Signora e i sandali, ma ieri che faceva un freddo boia dentro Pepe el Guarro io sono stata da paura.
Da PEPE EL GUARRO i tavolini si usano solo per appoggiare le birre e i quintali di ali di pollo: non ci si siede! Infatti non ci sono sedie, ma solo pochi sgabelli, pieni di cappotti, quindi come la tradizione madrileña insegna da PEPE EL GUARRO si mangia e si beve stando in piedi.

Poi quando esci da PEPE EL GUARRO e devi prendere la metro, se per caso ti sbagli e invece di andare a sinistra vai a destra, ti trovi a scendere per un pendio di terra, nel pieno della città, tra case e strade, ma è proprio un pendio di terreno morbidone, e questo pendio qui è pieno di rosmarino, e tutto profuma così intensamente che ti viene da domandarti se davvero stai a Madrid, o in un sogno… e allora che fai? Raccogli il rosmarino e te lo metti nella borsetta.
Sai che ha cenato Chechi oggi? patate al forno con rosmarino (il pollo lo avevo, ma solo a guardarlo mi sentivo male!)

About Chechi 691 Articoli
Chechi, una pecora che cerca di uscire dal gregge