Vivere all’estero. Vivere a Madrid

Una cosa di cui si parla proprio parecchio è del perché i giovani se ne vanno dall’Italia.
E insomma questo tema qui è fritto e rifritto, e secondo me alla gente piace intellettualizzare questo fenomeno qui, che si chiama EMIGRAZIONE ma che si chiama anche semplicemente COSE-DELLA-VITA. E allora si cercano sempre delle cause trascendentali che spieghino questo banale effetto dello spostarsi, che a mio parere è quanto di più naturale esista, che quando a me la gente mi chiede “ma perché vivi qui?” io penso “ma perché dovevo rimanere dove stavo???”.
Su questo tema qui secondo me ci sono essenzialmente tre cose da puntualizzare:
1) Non tutti gli italiani che vivono all’estero fanno lavori buoni-ottimi-sicuri-strapagati, come la gente crede.
2) Quasi tutti gli italiani che vanno a vivere all’estero non sanno quanto si fermeranno fuori, e alla maggior parte delle questioni della vita si rispondo “BHOOOO”
3) Non solo i giovani italiani vanno a vivere all’estero, ma in tutte le nazioni ci sono giovani di tutte le nazioni che sentono come CASA il paese adottivo e non quello d’origine. O il contrario. O tutti e due. O nessuno dei due.

Allora io giovedì andrò una tavola rotonda sul tema “L’ emigrazione nell’era di Internet”,e secondo me ci devi venire pure tu, mio caro amico italiano che vivi a Madrid, perchè è organizzato dall’Associazione Pugliesi in Spagna (bella gente), se magna, se beve ma soprattutto si parla di noi…e voglio proprio sapere che dicono!
E insomma io è già qualche ora che penso alle cose interessanti che ho fatto nelle nazioni dove ho vissuto, alle persone speciali che ho incontrato e alle cose che ho visto, e devo dire che sono troppe e non mi entrano nemmeno nella testa, ma l’ultima esperienza magica l’ho fatta proprio ieri, incontrando il cane con la coda più lunga del mondo.

Che questa cosa qui in Italia non credo che l’avrei vista.

About Chechi 691 Articoli
Chechi, una pecora che cerca di uscire dal gregge