Bellezze (?) a Madrid: el Kilómetro Cero

Dunque questo post mi costerà delle liti, quindi prima di entrare nel cuore del tema, che è il Kilómetro Cero di Madrid (cero si legge sero e significa zero), vorrei salutare tutti i miei amici spagnoli e in particolare il mio pischello, e ricordare a tutti che io a Madrid non è che le voglio bene, no, io Madrid LA AMO!
Insomma a Madrid, mia signora e padrona, c’è una piazza senza porta, che si chiama Puerta del Sol (e già qui c’è qualcosa che non va!), di cui però parlerò in un altro post.
Proprio in questa piazza senza porta c’è un angolino dove ci sono sempre un sacco di persone, che gridano, guardano per terra e si fanno foto. Questo angolino magico, grande orgoglio di tutti i gatos, è il Kilómetro Cero, ricordato con una placca piuttosto grande, di bronzo, incastonata nel cuore pulsante di Madrid.

Ma che è sto Kilómetro Cero? È il punto di partenza virtuale di tutte le strade che attraversano la Spagna, e quindi il punto da cui si misurano tutte le distanze!

Cioè, se tu sei per strada a SANTANDER e vedi la scritta “km 393” significa che sai a 393 km da questa placca di bronzo. Su questa placca è reffigurata la mappa della spagna, con due aghi che segnalano l’esta e l’ovest, e le llinee con le sei strade principali che attraversano la penisola. Nella parte inferiore, a sinistra, c’è l’emblema degli ingegneri edili (come per esempio il mio grande amico Pierpy, che domani compie 30anni AUGURI PIERPI!!),e a destra l’antico scudo di Madrid.

Ma il Kilómetro Cero ha duemila anni?? NOOOO! Fu istallato nel 1950! Ma il Kilómetro Cero è bello??? NOOOO! è una mattonellona di marmo piuttosto rudimentale! Ma allora perché tutte le persone si fa le foto sul Kilómetro Cero???? Io questo proprio non lo so! Forse perché avranno passato tutta la vita a leggere numeri e numeri per le strade, che poi una volta che vedono da dove partono questi conteggi sono felicissimi!
Insomma, l’aspetto interessane o artistico del Kilómetro Cero io proprio non lo vedo, e perché piaccia tanto io proprio non lo so! Quello che so è che ebbi una sincope quando vidi per la prima volta tutta sta gente che si metteva in fila per farsi la foto o schiacciare sto pezzo di suolo, che pensai “poverini! Non hanno niente e si fanno le foto qui”. Comunque adesso che sono mezza madrileña devo dire che ho capito il valore del Kilómetro Cero, che secondo me si riassume in due punti:
1) è un luogo comodo dove incontrarsi con qualcuno, perché tutti lo conoscono ed è perfettamente collegato. Inoltre fa figo pensare che aspetti qualcuno proprio la km 0!
2) Ogni scarrafone è bello ‘a mamma soia-

Mio caro amico italiano che vuoi venire a vivere a Madrid, ti ricordo che il concorso di fotografia è scaduto, e che giovedì pubblicherò le foto! Sono tantissime!! La foto più votata vincerà un ticket di 25 euro Ryanair da spendere in voli aerei , quindi da giovedì VOTATE E FATE VOTARE!

About Chechi 724 Articoli
Chechi, una pecora che cerca di uscire dal gregge