Cosa vedere a Madrid: EL MATADERO

Un posto stupendo di Madrid di cui si  può dire solo un  gran bene è il MATADERO, un angolone  (148.300 m2) di paradiso collocato a poche fermate di metro da Sol, e dove tutto è in evoluzione.

Si tratta di un centro culturale comunale, dove si può fare qualsiasi cosa: vedere opere di teatro, studiare nella biblioteca, dormire sulle panche, far giocare i bambini, vedere esposizioni, fare corsi e partecipare a seminari, vedere una rassegna cinematografica da vero cinefilo, sentire un concerto, prenderti una birra, o anche semplicemente non fare nient’altro che passeggiare, giusto per rafforzare la relazione con l’archeologia industriale e sentire che Madrid si muove, e nel verso giusto.
La cosa per me più interessante del Matadero è che avendo spazi enormi ogni qual volta cambiano le esposizioni cambia completamente il suo aspetto, e così il Matadero è sempre diverso da se stesso, però proprio come tu lo desideri vedere, e forse neanche lo sai.
¿¿Ma perché proprio oggi parli del Matadero?? Mi dirai tu, mio caro amico italiano che vuoi venire a vivere a Madrid. Ebbene, parlo di questo perché oggi finalmente finisce una delle esposizioni più bruttone che io abbia mai visto non solo al Matadero, ma probabilmente in tutti gli spazi espositivi della mia vita!
Si tratta dell’esposizione per festeggiare i 15 anni dell’arrivo di Ikea in Spagna, e insomma già il tema non è propriamente dei più interessanti… Ma che hanno combinato due menti ultramoderne come Matadero e Ikea assieme?? DELLE SCHIFEZZE!!
Prima hanno chiesto a delle scuole di design e arte di RIUTILIZZARE degli oggetti quotidiani (Ikea) sotto nuove forme, ed ecco che il mio giovane cuore ha dovuto sopportare (tra le tante orribilità) la fontana di tazzine

e il labirinto di luci

che tra le due cose non ho ancora capito qual’è la più brutta.
Superato questo trauma iniziale si entra nel cuore dell’esposizione, che non è altro che una rispoduzione in minuatura e in chiave caotica di un negozio Ikea.

Cioè va bene che al Matadero si entra gratis, però pure all’Ikea non pago e per lo meno posso rubare le matite!
Insomma mio caro amico italiano che vuoi venire a vivere a Madrid, io ti consiglio VIVAMENTE di andare al MATADERO a partire da domani (se vuoi sapere come arrivare clicca QUI), mentre oggi approfitta che è domenica e vai al Rastro!

About the author  ⁄ Chechi

Chechi

Chechi, una pecora che cerca di uscire dal gregge