OPORTO: come trasformare una sardina in poesia.

Da pochissime ore sono tornata da Oporto, un gioiellino caldo e umido dove ogni cosa è poesia.
La città è emozionante come Lisbona ma meno malinconica, quindi BELLISSIMA, ma tra contanta bellezza le cose che più mi hanno colpito di Oporto sono:
-le CHIESE CON LE MAIOLICHE, talmente suggestive che a un certo punto volevo farmi suora

-la FRANCESINHA, una specie di sandwich a 4 strati, con formaggio, carne, mortadella, chorizo e prosciutto, frittissimo e infine ricoperto da una salsa piccante. Come se ciò non bastasse la Francesinha ha spesso un’abbondate guarnizione di patate frittone e un uovo, anch’esso fritto, gustosamente aperto sullo strato superiore. Cioè il primo portoghese che mi dice che la cucina spagnola è grassa verrà obbligato dalla sottoscritta a mangiarsi una Francesinha intera, senza pause!

– le SARDINEEEE! 3 sardine alle brace+insalata+birra= 6 euro.
Mia cara Oporto, mi duole dirlo ma a volte ti ho amata più di Madrid!

-la TELEFERICA, che io da bravissima turistoski non potevo risparmiarmi il giro sulla teleferica per 5 euro, cioè il costo della Francesinha! Mi raccomando: non mangiare la Francesinha subito prima di salire sulla teleferica, perchè le conseguenze potrebbero essere drammatiche.
-il VINO, ma non tanto il vino Oporto bensì il VINO VERDE. Esiste una bevanda più buona del vino verde? NO!
– i PORTOGHESI (non solo i maschi ma tutti gli abitanti del portogallo) che sono TROPPO gentili e affabili!!!

Poi per onor della cronaca devo anche elencare le cose che NON mi sono piaciute di Oporto, e sono:

-Le SPIAGGE a nord della città, dove c’è un vento incredibile, e tutte le spiagge sono piene di tendine per ripararsi dal vento!!!
Mi sono fatta CORAGGIOSAMENTE un bagno ma non sono riuscita a immergere la testa! Ma quanto cazzo è freddo l’oceano???
-Il gatto zozzone dell’ostello, che mi odiava e voleva entrare nella mia stanza.

Per il resto devo dire che Oporto è una città magnifica, dove si mangia e si beve a poco prezzo, si vedono cose belle, si cammina in salita e discesa e ci si sente felici.

About Chechi 691 Articoli
Chechi, una pecora che cerca di uscire dal gregge