DIFFERENZE TRA GLI ITALIANI E GLI SPAGNOLI

Oggi vorrei parlare di un tema tanto vasto e caro a noi italiani che viviamo in Spagna (e soprattutto a Madrid), e questo tema qui è
LE DIFFERENZE TRA GLI ITALIANI E GLI SPAGNOLI.
Oh mio dio! Non mi basterà tutta la vita per affrontare questo tema sconfinato! Allora oggi parlo solo della DIFFERENZA DI ORARI TRA ITALIANI E SPAGNOLI, e vorrei dedicare questo post all’ineffabile Giuann di Aversa, a Lucia di Bari, Alida di Catania a CaDia di Perugia e a tutti gli italiani che non conosco ma che vivono a Madrid.
In Spagna siamo tutti accumunati da un grandissimo desiderio: DORMIRE! Perché qui si va a letto tardissimo ma ci si sveglia presto (lavorando), quindi soffriamo molto perché abbiamo sonno. Per sconfiggere il sonno si va al bar, a prendere un caffè.
Ma che fai se il caffè costa 1,30 euro? Prendi una birra che costa un euro! Oppure il vermù!
Quindi al sonno si aggiunge la sbronza. Tra una birra e uno sbadiglio si arriva all’ora del pranzo: 15.00. ma perché si mangia così tardi in spagna? Io soffro!
Comunque si mangia tardi molto probabilmente per non morire di fame fino all’ora della cena: 22.00.
Tutti gli italiani credono che tutti gli spagnoli dopo il pranzo fanno la siesta, ma non è vero per un cazzo!
Per lo meno a Madrid io non ho mai visto nessuno fare la siesta! Quindi mio caro amico italiano che vuoi venire a vivere a Madrid prima di trasferirti pensaci bene: Madrid vive 24 ore al giorno, e non esistono sieste per nessuno!
Ora entriamo nel fase più lunga e faticosa della giornata spagnola: LA TARDE (il pomeriggio).
La tarde inizia verso le 14.00 e finisce ad orari estremamente soggettivi, ma solitamente dopo cena. Quindi se tu vuoi vedere qualcuno alle 20.00 gli darai appuntamento “a las ocho de la tarde”. Poi perché gli spagnoli non usano MAI i numeri fino a 24 ma solo fino a 12 per indicare le ore? Non si sa, ma insomma quel che è certo è che LA TARDE non finisce mai.
Nella TARDE si pranza, si fa merenda (a las seis de la tarde los niños, a las siete los adultos), si studia, si legge, si fa di tutto e potendo ci si riposa, in visione de LA NOCHE!!!
LA NOCHE spagnola, vero tallone d’Achille per TUTTI gli italiani residenti in Spagna.
LA NOCHE inizia dopo la cena, quindi verso le 22.00.
A las once de la noche ci si vede con gli amici per uscire, e inizia una vera e propria Via Crucis dell’alcol che può avere vari nomi ir de cortos, ir de cañas, ir a la ruta.
Qualsiasi sia il suo nome quest’attività ha sempre un identico svolgimento: si entra in un bar, si ordina da bere, si beve (rigorosamente in piedi,MAI sederti a un tavolo) e si cambia bar.
Così per un minimo di 5 bar ed un massimo di ∞ (numero infinito). ATTENZIONE! nella Via Crucis dell’alcol inizi a bere birra, ma dopo 3 o 4 bar DEVI passare ai superalcolici!

Se non ti piacciono i superalcolici puoi continuare con la birra. Se non ti piace neanche la birra corri il rischio di essere socialmente isolato.
Dopo i bar, che chiudono solitamente verso le 3 de la mañana, si va in discoteca, e dopo la discoteca si va a mangiare churros y porras, e dopo a casa.
Cioè lo spagnolo medio durante il we non torna mai a casa prima delle sette del mattino.
Ma per tutta la vita? Mi chiederai tu, mio caro amico italiano che vuoi venire a vivere a Madrid. Non lo so, ma spero proprio di no!
Passando così il fine settimana capirai bene che il sabato e la domenica mattina non esistono in spagna. Si tratta di lassi di tempo che in pochissimi hanno vissuto, e solitamente pochissime volte nella vita!
Per questo se ad esempio la domenica mattina vuoi andare a fare shopping in centro non devi andare prima delle 12.00 perché è tutto chiuso! Anche per le commesse di Zara esiste il sabato notte! Che credi!??
Comunque una cosa che io adoro degli orari spagnoli è che qui ogni momento è ottimo per fare qualsiasi cosa.
Non è mai troppo tardi per nessuna attività della vita, e si vive al massimo tutto il giorno e tutta la notte. Che sonno!
Se hai un argomento per il tema DIFFERENZE TRA GLI ITALIANI E GLI SPAGNOLI scrivimi!

About Chechi 707 Articoli
Chechi, una pecora che cerca di uscire dal gregge