La gemella della Gioconda (?)

La non-notizia di oggi è che nella sala 49 del nostro celebrerrimo Museo del Prado è esposta la gemella della Gioconda.
Ma perchè la Gioconda aveva una gemella?? Ovviamente no! Si tratta di un quadro dipinto quasi sicuramente da uno dei due allievi preferiti di Leonardo: o Andrea Salaino, amante del maestro, o Francesco Melzi.
Essendo stato dipinto da un allievo del Da Vinci l’opera è davvero similissima alla Gioconda, come spesso avviene quando dei pittori si ispirano ad un’opera del proprio maestro.
Abbiamo in primo piano un’algida signorina di tre quarti, e sullo sfondo montagne e laghi: tutto ci fa pensare alla Gioconda!

Gli allievi sempre si ispirano ai maestri!

Ma questo quadro l’hanno trovato ieri pomeriggio nello sgabuzzino del museo?? NO! La ‘copia’ del Prado è nota da secoli, esattamente dal 1819!!
Ma lo sfondo della tela, attorno alla Monna Lisa,era coperto da una vernice scura, probabilmente aggiunta verso il XVIII secolo. Solo qualche mese fa sono stati effettuati degli studi e si è scoperto che sotto la cappa scura di fondo era dipinto lo stesso sfondo del celebre dipinto del Louvre.
Ieri il quadro è statio presentato e esposto come “la gemella della Gioconda” per creare notizia, e tutti gli spettatori armati di cellulari e macchine fotografiche hanno immortalato il momento.

Scatta scatta scatta!

E così non solo la Gioconda, onnipresente in tazze, borse e cartoline, a volte viene derubata del suo misterioso fascino, ma anche la procugina di campagna.

About the author  ⁄ Chechi

Chechi

Chechi, una pecora che cerca di uscire dal gregge