Falsi amici in spagnolo

2 giugno, festa della Repubblica Italiana.
Lontana dalla madrepatria ogni giorno leggo i giornali .it sul web, guardo foto.
Ma dal terremoto dell’Aquila non avevamo imparata qualcosa? Evidentemente NO!
Ma dopo il terremoto in Emilia la parata militare non doveva essere sobria? Evidentemente NO!
Ma i giovani non erano sacri? Evidentemente NO, se esplodono bombe a scuola.
Ma il calcio non era un gioco, una sfida soprtiva? Evidentemente NO!
Ma organizzare festini con minorenni e indurle alla prostituzione non era un reato? Evidentemente NO, se sei politico e puoi cambiare le leggi!
Ma il Papa non era il Santo Padre? Evidentemente NO, se il segretario canta…
Ma i leghisti non dicevano Roma landrona? SI, mentre loro rubavano a piene mani

L’altro giorno un amico tedesco mi ha detto che stando alle notizie di cronaca gli sembra che in italia tutto si possa vendere e comprare. Tutto. Tutto?

Allora in questo frullato di pensieri e emozioni mi è venuta in mente un tema di grammatica: i falsi amici.

Che per me l’Italia è un po’ una falsa amica, che spesso stravolge il significato delle cose e i miei stessi sentimenti per lei.

ma a cosa pensano i politici??

Quindi ATTENTO alle parole spagnole che SEMBRANO quello che NON SONO. Per noi italiani.

habitaciòn= stanza
acostarse= andare a letto
aceite= olio
adicciòn= dipendenza
andar= camminare
burro= asino
caldo= brodo
càmara macchina= fotográfica
carta= lettera
contestar= rispondere
constipado= raffreddato
cura= prete
demanda= causa
equipaje= bagaglio
exprimir= spremere
filo= lama
esperar= aspettare
parar= fermare
encontrar= trovare
tarde= pomeriggio
camiseta= maglietta
lo siento= mi dispiace
estanco= tabaccheria
prima= cugina
trufa= tartufo

Questi sono quelli che mi vengono in mente adesso, ma sono molti di più! Ne conosci altri??

About Chechi 707 Articoli
Chechi, una pecora che cerca di uscire dal gregge