Dabuti, ¡como mi blog!

Se in castellano vuoi dire che qualcosa ti piace molto, e lo vuoi dire con sentimento e trasporto dovrai usare una parola sola: DABUTEN, che in alcune occasioni/situazioni/ambienti si trasforma in DABUTI, e si usano indistintamente.
Nella Madrid autentica DABUTEN subisce una ulteriore evoluzione diventando de bute. Ma cosa significa questo strano vocabolo? Eccellente, straordinario, buono, buonissimo. Per esempio un tío dabuti è un ragazzo bello, bravo e chi più ne ha più ne metta (ricorda che in spagnolo tío significa “zio” ma nel linguaggio comune “tío” si usa per parlare con qualsiasi persona, e questo termina indica più in generale un “essere umano” e non il/la fratello/sorella di un genitore. Cosí come colega non vuol dire compagno di lavoro, ma amico)

mi blog es dabuti

Fuimos al cine y lo pasamos dabuten, andammo al cinema e stemmo molto bene.
Come potrai vedere tu stesso la traduzione di questo termine è impossibile!! O almeno io non la so!

I sinonimi di dabuti sono infiniti, tra i miei preferiti abbiamo: CHUPI, CHANCHI, CHACHI.
Non dimenticare che il CH in castigliano si legge “ci”, quindi: ciupi, cianci, ciaci. Questi aggettivi, positivissimi, potrai usarli tanto per qualificare persone come situazioni o cose. “¿tomamos algo? ¡Chachi!andiamo a bere qualcosa? Perfetto!

Impara queste paroline positive, perchè girando per Madrid ti serviranno: qui vedrai solo cose DABUTEN!

About Chechi 691 Articoli
Chechi, una pecora che cerca di uscire dal gregge