De Madrid al cielo, y en el cielo…

A Madrid non è tutto rosa e fiori, come forse a volte io stessa lascio pensare.
Madrid è un po’ secca, è troppo grande, a volte mi da rabbia passare per strade o interi quartieri a me sconosciuti, e che sono la prova tangibile che io di questa città conosco poco, e quel poco in modo limitato.
Madrid è difficile da spiegare e impossibile da domare, perché ha mille facce e mille sfumature che cozzano tra loro e la rendono un autentico mistero.
Io come straniera a volte mi chiedo sa davvero l’ho capita almeno un po’ questa città, o se sto vivendo i cliché per turisti.
In tutto questo interrogarmi sono andata a fare un passeggiata nel mio quartiere, in una strada che si chiama Calle Juan Duque, e mi sono messa a fare le cose che fanno i madrileni: sono andata al bar a tomar algo.
madrid curiosità
Siccome di Calle Juan Duque si puo dire tutto meno che sia un posto turistico mi sono lasciata trasportare da quel chiasso tutto castizo e ho rifatto pace con la città. È vero che non abbiamo il mare, che soffriamo un clima di inferno e che questa è una città assolutamente basica MA come si può restare indifferenti davanti all’allegra frenesia di Madrid?
Mi sono ricordata di un detto emblematico di questa città: “De Madrid al cielo y, en el cielo, un agujerito para verlo”, cioè da Madrid al cielo, e nel cielo un buchino per vedelo
Ovviamente mi sono messa a cercare l’origine di questo detto: Carlo III (1716-1788) diede impulso a Madrid come Villa e Corte, e la omaggiò della Puerta de Alcarlá e della Plaza de Cibeles.
Successivamente il re continuò la calle de Alcalà, che inizia da puerta del Sol, e la orientò per raccogliere i raggi dell’alba del giorno di San Juan, soltizio d’estate.
Nell’altro lato della città il Palazzo Reale e la Almudena dominano l’ovest, raccogliendo i raggi del tramonto e gli spettacolari tramonti sul fiume e Casa de Campo. In questa meravigliosa urbanistica indirizzata a godere del sole si coniò la frase “De Madrid al cielo y, en el cielo, un agujerito para verlo” che indica che vivendo Madrid si raggiunge il cielo, e persino dal cielo bisogna trovare uno spazio per sbirciare questa straordinaria città.
Madrid, come non amarti?

madrid 4

madrid 3

madrid 2

madrid

About Chechi 706 Articoli
Chechi, una pecora che cerca di uscire dal gregge