MACARONES CON CHORIZO (ossia come violentare un maccherone)

Mooolto tempo fa, cuando ero praticamente una giovinetta, scrissi questo post sul TOMATE FRITO scatenando le ire degli spagnoli residenti in Italia (e quindi nostalgici, perdoniamoli) e di tutti gli amanti dell’orrido brick di pomodoro.
Oggi torno all’attacco con un piatto sacro per gli spagnoli, quello che molti definiscono il loro piatto favorito ma per me non è altro che una violenza sulla pasta tutta e sull’Italia intera (perchè, per qualche strana ragione, io identifico l’italia con la pasta).
MACARONES CON CHORIZO.

Mi fai cagare mio caro amico (e marito) spagnolo che ami questa pasta! Vorrei farti incarcerare!
Comunque…in questo periodo storico di foodies e gourmets, dove qualsiasi foto di qualsiasi alimento ha con se per lo meno 10 etichette di Instagram in inglese il macarrones con chorizo non perde la sua forza nella Penisola Isterica.

Sarà perchè è il primo piatto che gli spagnoli imparano a cucinare quando vanno via di casa, sarà que che sarà, ma questo è un piatto sacro, che si cucina con i seguenti ingredienti:

Macarrones, cioè maccheroni, rigorosamente di marca e stile spanish, quindi con cottura tra i 20 e i 25 minuti.
Tomate frito (ariecoce)
Chorizo (si legge “ciorizo” ed è una sorta di salame) a valanga
Cipolla
Origano (qualcuno mi spieghi perchè in questa nazione assolata non si coltiva il basilico, grazie)

La prima notizia su questa agghiacciante ricetta risale al 1599, quando Diego Granado scrive sul suo Libro del arte de cozina la ricetta che prevedeva anche zucchero e cannella. Da questa prima formula nei quattro secoli successivi la padella ha visto passare qualsiasi ingrediente per preparare questo piatto, incluso brodi e latte. Fu poi nel XIX secolo, cioè durante l’industrializzazione, che quella che allora si chiamava “sopa de macarrones” si trasformò in una meno brodosa pasta col jamon, che verrà poi sostituito dal chorizo.
A partire dagli anni ’70 questa ricetta diviene un classico nelle mense di ogni tipo: militari, ospedaliere e scolastiche.

Passiamo alla ricetta

Istruzioni:
1) metti a bollire l’acqua, la sali e fai cuocere la pasta molto tempo. Diciamo il tempo sufficiente per chiamare il tuo amico di università che non senti da 6 mesi e raccontargli di tutto, o di farti una doccia con esfoliante, idratante e maschera per i capelli.

2) quando scoli la pasta passala sotto l’acqua fredda. Così, senza un motivo specifico, solo per essere sicuro che verrà una cagata.

3) POIIIII solo dopo ver scolato la pasta preoccupati della salsa, e trita la cipolla.
Mi sembra giusto, perchè farlo durante la cottura?

4) aggiungi i pezzi di salame

5) e versaci sopra il tomate frito direttamente del brick o del vasetto, senza passare del via!

eccoti qui il tuo bel piattone di PASTA AL CHORIZO: mangialo tutto, mi raccomando!!!!

Caro amico italiano che vuoi venire a vivere a Madrid, vedi che anche vivere in Spagna ha dei piccoli lati negativi??? Se non mi credi spero tanto che ti invitino a una cena spagnola e in tuo onore preparino i macarrones con chorizo: te li meriti!

About Chechi 709 Articoli
Chechi, una pecora che cerca di uscire dal gregge