Surf in Spagna: le 5 migliori spiaggie

Io sono pigra come un gatto al sole, ma vivendo in una penisola dove abbondano spiagge da cartolina e venti infernali penso sia doveroso fare un post sulle migliori spiagge dove fare surf in Spagna.

E come si dice in questi casi: armiamoci e partite!

1- Mundaka (Vizcaya)
il piccolo paese di pescatori di Mundaka ospita sicuramente l’onda più famosa della Spagna, e probabilmente la più famosa d’europa. Si tratta di un vero e proprio luogo di pellegrinaggio per i surfisti di tutto il pianeta.

Situata in Vizcaya, dove sfocia il fiume Oka, l’onda di Mundaka può generare tubi lunghissimi sul fondo della sabbia, un qualcosa molto poco abituale. In autunno e in inverno, quando le mareggiate sono molto violente, queste onde sono adatte solo a surfisti esperti.
Se l’onda non appare l’alternativa è fare surf sulla spiaggia di Laida.
Per riequilibrare l’adrenalina potrai concederti un momento culturale con la visita dell’ermita di San Juan de Gaztelugatxe, situata in un’isola e unita alla terraferma da 365 scalini.

2-Playa de Somo (Cantabria)
A solo 30 km da Santander si trova la spiaggia di Somo, una lingua di sabbia di quasi 4 km dove ci sono onde adatte a surfisti di tutti i livelli. Ad eccezione di alcuni tratti affollati in estate, si tratta di una spiaggia isolata dove regna la tranquillità, un luogo ideale per unire sport e riposo.

Ci sono diverse scuole di surf dove si può provare questo sport o fare un giro su Stand Up Paddle attraverso il vicino Rio de Cubas, una crociera adatta a tutte le età.
In estate è possibile raggiungere in barca la vicina Santander, una città elegante e accogliente dove si può godere di una passeggiata nel parco pubblico di La Maddalena, per vedere pinguini, foche, leoni marini e anatre, o bere un drink sulle numerose terrazze che punteggiano il lungomare.

3-Playa de Rodiles (Asturias)

Le Asturie sono una regione di contrasti tra vita rurale e moderna, spiagge selvagge e alte montagne.
Si può iniziare la giornata scalando una montagna innevata e finire per prendere il sole su una delle sue spiagge. Nel centro della provincia, dove il fiume di Villaviciosa muore in mare, c’è la spiaggia Rodiles di fine sabbia dorata, frequentata quasi exclusivamente nei mesi estivi.

Si tratta di una spiaggia selvaggia, dove bisogna attraversare una foresta di pini e una moltitudine di dune per raggiungere il mare.
La sua onda è molto simile a quella di Mundaka, veloce e potente.
È possibile completare la visita discendendo in canoa lungo il fiume Sella, e poi salendo ai laghi di Covadonga, per una altezza di 1100 metri, o lungo la via del Cares, una camminata di 11 km attraverso un percorso scavato nella roccia a lungo la gola del fiume omonimo.

4- Zarautz

Zarautz è una delle spiagge più emblematiche dei Paesi Baschi, nonchè la più lunga.
Nelle sue acque si sono formati i migliori surfisti del Cantabrico, come Aritz Aranburu, uno dei 32 membri del gruppo selezionato in competizione nel campionato del mondo di surf (WCT).
Zarautz è una città vivace in estate, famosa per le sue feste.

Se vuoi qualcosa di più calmo è possibile avvicinarsi al villaggio vicino di Getaria per godere la vista sul porto mangiando del buon pesce in uno dei suoi numerosi ristoranti. Molto vicino lì, tra la strada tra Zarauz e Getaria, rompe una delle più pericolose ondate di Biscaglia, chiamati Roca Puta.

5-Meñakoz (Vizcaya)

Tra le maestose scogliere di Uribe Kosta, meno di 30 chilometri da Bilbao, rompe su una piccola spiaggia rocciosa uno dei più ambiti per i grandi surfisti onde Cantabrica: Meñakoz.
Si tratta di una lunga e potente onda destra, adatto solo per i surfisti di alto livello e può raggiungere fino a sei metri di altezza.

Se non desideri sfidare la sorte con queste onde mostruose puoi sempre spostarti sulla spiagga di Sopelana, a meno di un chilometro di distanza, dove le onde sono adatte a surfisti di tutti i livelli e in cui ci sono numerose scuole di surf.
Un programma altamente raccomandato è quello di fare una passeggiata piacevole e solitaria per le sue spettacolari scogliere a finire la passeggiata a Plentzia, dove è possibile ricaricare le batterie a base di pesce e Txakolí nei numerosi bar e ristoranti del porto.
In estate questa spiaggia tranquilla è frequentata da nudisti, e qui con una buona caña fresca si può godere delle sensazionali onde o di un bel tramonto sul mare.

About Chechi 724 Articoli
Chechi, una pecora che cerca di uscire dal gregge