Insulti in spagnolo Narcos

Impara lo spagnolo vedendo Narcos. Insulti e parolacce da narcos, appunto..

Delirio Narcos. Che sia moralmente accettabile o no Narcos piace, e da un senso alle nostre serate, engancha, cioè crea dipendenza.
Disprezziamo i narcotrafficanti ma siamo affascinati dalla loro storia.
Allora non ci resta che guardare il lato positivo delle cose… ti propongo una sfida: e se Pablo Escobar e compagnia oltre ad essere degli spregevoli individui diventassero il tuoi primi professori di Spagnolo?

Lezione di spagnolo per parlare come Pablo, ossia offese in spagnolo Narcos:

1- COMA MIERDA
Un modo gentile per invitare qualcuno a nutrirsi di escrementi. Utilizzando il voi e non il tu (grande prima differenza tra lo spagnolo della Spagna e quello dell’America Latina, visto che in Spagna si da del tu anche al papa!) si rende questo insulto un invito formale
—Señor Escobar, necesitamos renegociar, ¿no?
—Coma mierda. Coma. Mierda”.

2- PLATA O PLOMO
(argento o piombo, ma la PLATA sono anche e soprattutto i soldi)
Don Pablo Emilio Escobar Gaviria usa questa frase per ricattare la gente, e letteramente significa: o prendi i soldi e stai zitto o scegli il plomo, cioè un bel proiettile (di piombo) tra petto e spalla
“Ustedes eligen, ¿plata o plomo?”.

3- GONORREA e MALPARIDO
Insulto sonoro e creativo, si riferisce alla malattia sessuale chiamata appunto gonorrea

MALPARIDO letteralmente significa “partorito male”, ma indica qualcuno cattivo e che agisce con cattive intenzioni.
“Gonorrea malparido usted no sabe con quién se acaba de meter”.

4- BILLETE(ICO)
Un billete non è altro che un biglietto o una banconota, ma in Colobia (e concretamente nel mondo dei narco) un ”billetico” pe una quantità grande, grande, grande di soldi. Con un tocco di ironia.
“Se ganó un billetico con esa vuelta”.

5- PAISA
È una sorta di diminutivo di “paisano”, e così i narco chiamano le persone di Antioquia e del Eje Cafetero, che è la regione dove si trova Medellin, il centro nevralgico della serie.
Un paisa è un compaesano, o un parce, come si indicano lì gli amici
“(giornalista) Pablo Escobar ha sido llamado el -Robin Hood paisa-“.

6- GRINGO (HIJOEPUTA)
Questi due aggettivi si possono usare separatamente o insieme. GRINGO indica i nord americani, e in generale qualsiasi persona bionda e non colombiana.
HIJOEPUTA è hijo de puta, versione Narcos.
Gringo hijoeputa è un insulto più completo, e se detto alla velocità adeguata ha un suono molto più gratificante, non pensi?
“Voy a pagar medio millón por cada agente de la DEA que se quiebre. Gringos hijoeputas”.

7- PENDEJO
Sarebbe il sinonimo di stupido, codardo, scemo. Un insulto dolce, ma comunque con un certo carattere
“No te hagas el pendejo. Entrégame a tu primo y te dejaré vivir”.

8- PATRÓN
Il patrón è il capo. E basta.
“Pues nosotros hacemos lo que diga el patrón y listo”.

9- SAPO
Il peccato capitale che si paga sempre con la morte nel mondo del narcotraffico: tradire.
El sapo è un ruffiano, un pentito, un traditore.

10- CULEAR
Scopare, avere relazioni sessuali. O inculare, anche in senso figurato
“usted se está culeando a su hermana”

11- CHICHIPATO
Taccagno

12- CHICHIGUA
Cosa insignificante

13- PIROBO
Termine offensivo che anticamente era utilizzato per chiamare chi esercitava la prostituzione

Se NARCOS ti appassiona Madrid è la tua città.

Dopo il “bianco Natale” que imperava in Puerta del Sol a Dicembre

ti consiglio di fare un salto alla stazione della metro di Gran Via, completamente a tema:

non superare la riga, ma implicitamente “non esagerare con le strisce (di coca)”.
geniale gioco di parole
About Chechi 725 Articoli
Chechi, una pecora che cerca di uscire dal gregge