Sin nosotras el mundo se para

Dia de la mujer, 8 marzo.
Ovviamente non ci serve un giorno per ricordare quanto siamo uniche, speciali, indispensabili, intelligenti, etc.. però poi leggendo i fatti di cronaca o semplicemente portando al parco i figli, andando a fare la spesa o comunicando al tuo capo che sei incinta ti rendi conto che avere un giorno de la mujer non è una cattiva idea, perchè il mondo è pieno di sprovveduti che hanno bisogno di anniversari per fare mente locale su situazioni/sentimenti e altri concetti tanto banali quanto esotici.
Se dicessi che sono femminista me quedaría corta.
Io non lotto per l’uguaglianza, perchè io no credo che gli uomini e le donne siano uguali, e tutto del nostro modo di essere-vivere-stare al mondo-perpetuare la vita sulla terra lo dice.
Le fiabe di principesse e cavalieri sono reminiscenze degli anni ’80.
Nessuna giovane madre racconta queste fantasie ai propri figli, nè regala solo bambole alle bambine o solo macchine ai maschi, nè veste le une di rosa e gli altri di azzurro.
Però questa è una parte della lotta, importante ma marginale.
Poi c’è l’altra parte, che è quella del rispetto: affrancarsi dalle etichette, sentirsi sicure di viaggiare o girare sole in qualsiasi momento, avere la reale possibilità di fare tutto quello che fanno i maschi senza però sentirci eroiche, trasgressive o in pericolo perchè lo stiamo facendo.
Oggi si sciopera e si manifesta. Benissimo. Aderiamo a queste proteste, facciamo sentire la nostra voce, a Madrid l’appuntamento è alle 19.00 ad Atocha.

Da parte mia approfitto di questo giorno/post per scrivere di una cosa che mi sta molto a cuore, perchè la difesa del nostro corpo e della nostro diritto di far con esso quello che vogliamo credo sia il primo passo verso l’autentica LIBERTÂ.
Si tratta della prevenzione sessuale, tema troppo spesso lasciato nelle mani degli uomini, i quali troppo spesso si affidano al caso.
A Madrid oltre i Centros de Salud, che funzionano benissimo e che tutti conosciamo, esistono dei centri gratuiti e di gestione comunale chiamati Centros Planificacion Familiar.
Si tratta di centri focalizzati quasi esclusivamente sulla salute delle donne: prevenzione sessuale, esami ginecologici e del sangue, pillola del giorno dopo, assistenza psicologica e familiare.
Quello che conosco per vicinanza è questo a Puerta de Toledo, ma con una breve ricerca su google potrai trovarne altri in vari punti della città. Tutti i servizi offerti da questi centri sono gratuiti e non richiedono tessera sanitaria, nie nè alcun tipo di documento.

Felice DÍA DE LA MUJER, e che duri 365 giorni e infiniti anni.

About Chechi 736 Articoli
Chechi, una pecora che cerca di uscire dal gregge