Review Category : ricette cucina spagnola

10 esperienze gastronomiche a Madrid

Sarà per la gravidanza, sarà quel che sarà ma io in questo periodo ho sempre fame.
Mi aggiro per le strade di Madrid come un lupo mannaro in cerca di cibo saporito, in cerca di sapori che possano in qualche modo colmare la nostalgia di focaccia e panzerotti che mi porto dentro.
Per questo ho pensato di scrivere un breve ma efficace elenco delle 10 esperienze culinarie imperdibili a Madrid. Del resto viaggiare non è solo visitare luoghi, ma anche sedersi a tavola e scoprire i sapori della nuova terra…

Chocolate caliente

cioccolato con porras e churros
Tradurre questa specialità come cioccolata calda è a dir poco riduttivo! Il chocolate caliente più che una colazione, una merenda e un sostitutivo della cena è un autentico rito del madrileno DOC. Il cioccolato liquefatto viene servito in una tazza, e non va bevuto ma ASSORBITO con porras y churros, dei dolci a base di farina, acqua, zucchero e sale fritti nell’olio bollente.
La loro composizione è uguale, la sola differenza è che negli ingredienti de las porras viene aggiunto un po’ di bicarbonato.
Come riconoscerli? In genere la porra è un cilindro sui 10 cm e piuttosto grande di diamentro, il churro invece è una specie di tarallone più sottile. Il mio posto preferito per concedermi questo peccato di gola (mio e praticamente di tutti i madrileni) è la Chocolateria San Ginés, a pochi passi da Plaza Mayor

La Latina:  salir de tapas

tapas
Sicuramente il miglior quartiere per provare le famose TAPAS è La Latina!
L’etimologia della parola tapas deriva da tapar, cioè coprire, e viene dall’antica tradizione di coprire il bicchiere di vino delle taverne con un pezzo di pane e formaggio, per impedire agli insetti di entrare nel bicchiere. La tapa è quindi un piccolo aperitivo gratuito: diffida dai bar pieni di scritte “tapas 1 euro”, sono solo per turisti!
Per lanciarti nell’autentico TAPEO madrileño dovrai perderti nelle stradine de La Latina e prendere una caña in ogni bar che incontri. Questa attività ha inizio nel tardo pomeriggio e non conosce fine, quindi nota importante: scriviti su un foglietto l’indirizzo del tuo hotel, per essere sicuro di poterci tornare!!

Mercado de San Miguel: un tapeo più sofisticato

mercado san miguel
Un vecchio mercato tradizionale trasformato sia architettonicamente che nel suo spirito, il Mercado di San Miguel ti permetterà di vivere  una esperienza gastronomica curiosa.
In generale tutto è carissimo nelle bancarelle, ma non posso certamente criticare la varietà dei cibi: salumi, verdure, sushi, dolci, gelati, vini, sangria… tutto con sapore delizioso! Assolutamente da provare!
Plaza de San Miguel s/n, 28005 Madrid

Lavapiés: il giro del mondo in una cena

madrid lavapies
Sicuramente tra i miei quartieri preferiti, per una inifnità di ragioni che non potrei nemmeno spiegare. Forse l’idea di Lavapiès per me, straniera a Madrid, è l’idea di una terra di tutti e di nessuno, dove la gente ha cosi tanti colori, culture e lingue che l’impressione generale è di non essere né in Spagna né in nessun posto. Terra di nessuno e terra di tutti.
Qui potrai provare qualsiasi cibo e bevanda, dalle più tradizionali spagnole ad alimenti di paesi lontani.
Per me cenare a Lavapiès significa:
kebab e humus
cena indiana
cena africana

Non ti consiglio nessun posto, solo di scendere dalla metro affamato e farti guidare dall’olfatto!

Entresijos e gallinejas

madrid piatti tipici
Autentica specialità di Madrid, gli autoctoni dai 60 anni in su ne parlano come se fosse nettare degli dei.
Personalmente non posso esprimere nessuna opinione perché non ho mai avuto il coraggio di provare entresijos e gallinejas a causa dell’odore nauseabondo che emanano! Si tratta di interiora di maiale e altri animali fritti. Fritti e rifirtti.
Uno dei posti più famosi dove provare questo piattone è Gallinejas Embajadores. Se ci vai raccontami la tua esperienza!!! (Calle Embajadores 84. Quando esci dalla metro segui l’odore di fritto)

• Bocata de calamares a Plaza Mayor

madrid cosa mangiare
Il bocadillo de calamares è un panino lungo, tipo baguette, molto mollicoso e riempito di calamari impanati in farina e lievito e fritti in olio d’oliva.
È un piatto comune in tutta la capitale e si trova in qualsiasi bar della città, ma se vuoi andare sul sicuro e perderti nel piacere del calamaro fritto dovrai dirigerti o verso il bar El Brillante, vicino la stazione di Atocha, o a plaza Mayor, in uno dei qualsiasi bar che abbracciano questo meraviglioso spiazzo. Devi ordinare un bocadillo de calamares para llevar (cioè da asporto) e mangiarlo seduto nella piazza-
Qualora tu sia capitato nell’unico bar della città che non ha i calamari freschi no panic! Potrai spalmare una buona quantità di maionese nel panino per coprirne il sapore non proprio delizioso!

Paella

paella madrid 1
Non sono ancora sicura di quale sia il miglior posto dove mangiare una PAELLA degna di questo nome a Madrid, quindi l’unico consiglio che posso darti è di leggere qui per conoscere qualcosa in più della paella e NON mangiarla a cena! La paella è un pranzo!

Cocido madrileño

cocido madrileno
Indubbiamente tra i miei piatti preferiti, ma solo in inverno! Con il caldo tropicale di Madrid dubito che tu riesca a trovare un posto che prepari cocido da aprile a ottobre, ma se cosí fosse NON MANGIARLO MAI SE LA TEMPERATURA ESTERNA È SUPERIORE AI 7º!!! Potresti morire!
È consigliabile mangiare il cocido a pranzo, perché mangiarlo a cena potrebbe regalarti una notte indimenticabile…
La tradizione vuole che il cocido si mangi proprio la domenica a pranzo:si tratta di un gustosissimo bollito di ceci, verza, patate, cipolla, carote, carne, pancetta e vari salumi “gastrocontundenti””. Questa pietanza si serve separando gli ingredienti in due portate ben distinte: prima il brodo dentro il quale si sono cotti tutti gli ingredienti, poi il mix di carne, ceci e verdure, spesso accompagnati da la pelota, letteralmente la “palla”: una grande polpetta fatta con mollica di pane, spezie e uovo, fritta e immersa nel brodo per circa un’ora.

Io adoro mangiare il cocido alla Taberna J. Blanco, nel quartiere di La Latina. Per 14 euro la domenica e per 9 euro il mercoledì potrete mangiare un piatto eccezionale! (Calle de las Tabernillas, 23, 28005 Madrid)

Croquetas de bacalao

crocchette spagnole
Ci sono due posti dove dovrai provare le crocchette di baccalà: Casa Revuelta e Casa Labra
sai la crocchetta ti patate italiana della friggitoria sotto casa?? Ebbene, non ha niente a che vedere con la croqueta española! Lussioriosa, esagerata, straripante, incontenibile, la crocchetta spagnola è un autentico piacere grasso, anche quando è di baccalà. Noi italiani siamo solo dei principianti!

Champiñones rellenos

piatti tipici spanoli

Prendi un funghetto, ricoprilo di jamon serrano (quello buono!), aglio e prezzemolo e fallo cuocere su una piastra ben unta a 1000º: ecco quello mangerai alla Maison del Champiñon (C/ Cava de San Miguel, 17, 28005 Madrid)
Autentico tempio profano del funghetto, non andarci è un reato!

11 TORTILLA ESPAÑOLA

tortilla de patatas
E della tortilla non parli??? ti chiederai tu stupito, mio caro amico italiano che vuoi venire a vivere a Madrid! Ebbene io non è che non voglio parlare della tortilla, anzi, ma il fatto è che sono allergica alle uova!!

Read More →

Paella! Storia e ricetta: buon appetito!

Y ahora… ¡PAELLA! Ossia come trasformare il riso in cibo degli dei!
Siccome io sono di Bari e dalle mia parti si mangia patate riso e cozze mio padre ogni volta che viene a Madrid e mangia la paella mi sussurra nell’orecchio (per non farsi sentire da PischiOne e non offenderlo) “ma che sarà mai ‘sta paellllla! Riso patate e cozze è più buono!” e questa sua affermazione mi mette in grande difficoltà.
Se tu sei di Milano potrai fare le stesse identiche riflessioni sostituendo patate riso e cozze con il risotto.
patate riso e cozze
Risotto-ai-frutti-di-mare
paella spagnola

Il dubbio resta identico: è vero che la paella è il miglior piatto a base di riso del mondo mondiale? È bugia?
Non lo so, que che so è che io amo patate riso e cozze che sono le mie radici, e amo la paella che è buona, soprattutto se mangiata al mare (quindi non a Madrid!)
Si tratta di un piatto tipico di Valencia: in valenciano paella significa pentola (dal latino patella) ed effettivamente a Valencia la paella indica sia il contenuto che il contenitore. Attualmente ci sono infinite varietà di paellas, ma l’ingrediente base è sempre e solo uno: il riso.

Si tratta infatti di un piatto umile e molto popolare, che in pochissimo tempo si è esteso a tutta la cucina spagnola, con numerose varianti.

Che pentola si usa per preparare la PAELLA?
La PAELLA si prepara in una pentola speciale, che si chiama PAELLERA. Si tratta di un recipiente circolare antiaderente, che ha due manici laterali per trasportare più facilmente la paella. Poiché non è facile trovare questo recipienti in Italia, si può sostituire con una normale padella antiaderente di diametro grande, e con profondità non superiore a 5-6 cm.
paellera

Servita a tavola la paella presenta un colore giallognolo, dovuto all’aggiunta di zafferano. A Valencia a volte sostituiscono lo zafferano con pimentón, o nel caso di studenti squattrinati si può usare un colorante alimentare che non ha sapore né odore, però colora tutto di giallo.
paella

Quando si mangia la paella? Sempre e solo a pranzo! Qualsiasi spagnolo inorridirebbe all’idea di mangiare la paella a cena, esattamente come noi italiani deridiamo gli stranieri che bevono il cappuccino dopo pranzo.

Per la sua preparazione lunga e complessa la paella è il tipico piatto della domenica, ma in alcune famiglie si mangia anche il giovedì. Questa usanza su instaurata nel XX secolo nella comunità di Madrid per due ragioni:
- I pescatori riposavano la domenica, e il lunedi era il primo giorno che si poteva comprare il pesce fresco sulle città della costa. Il pesce invenduto veniva distribuito all’interno della penisola, e solitamente non arrivava prima del mercoledì pomeriggio, giorno in cui finalmente anche a Madrid era possibile preparare la paella
- Il giovedi era il giorno in cui le domestiche erano libere, e quindi le signore dovevano preparare il pranzo per la famiglia.
Per semplificare le cose le domestiche lasciavano tutto preparato dal mercoledi sera (il brodo, il pesce e tutti gli altri ingredienti) in modo che le padrone di casa dovessero solo mettere il riso nella paellera e lasciarlo cucinare

Come dicevo le varianti di questo piatto sono pressocchè infinite, ma si parte da 3 ricette basiche: paella di marisco (frutti di mare), paella mixta (mista, carne e pesce), pella alicantina (di Alicante, dove viene preparata con un brodo che mischia carne e pesce).

La paella che una cugina povera, brutta e giustamente sconosciuta all’estero: fideuá! Questo piatto è praticamente identico alla paella, pero il riso è sostituito con fideos, una pasta molle, di marca spagnola, che viene cotta per infiniti minuti che sfiorano ore. Terribile. (Garibaldi perdona gli spagnoli, se puoi!)
fideua

RICETTA DELLA PAELLA VALENCIANA DE MARISCO
(difficoltà: media)

INGREDIENTI:
Riso. – 400 gr
Calamari – 250 gr
Seppie – 250 gr
Gamberi. – 8
Cicale di mare. – 4
Spicchi d’aglio. – 2
Cucchiai di pomodoro tritato – 8
Zafferano. – 1
Brodo di pesce. – 1,5litros
Cucchiai di olio di oliva. – 8
Sale. – 1

PROCEDIMENTO:
tagliuzzare seppia e calamari a quadratini.
Riscaldare l’olio nella pentola, e far saltare gamberi e cicale per un minuti, quindi toglierli dalla pentola e metterli in un piatto.
A continuazione nello stesso olio dove abbiamo fatto saltare i frutti di mare introdurre le seppie e i calamari, fino a quando acquisiscono un colore dorato.
In questo stesso momento aggiungere il pomodoro, l’aglio tritato e si soffrigge tutto assieme.
Adesso è il momento del riso: mescolando il congiunto si aggiunge piano il riso, quindi il brodo di pesce (per ogni bicchiere di riso due di brodo) e lo zafferano. .
A questo punto si lascia cuocerà la paella a fuoco vivo, aggiungendo un pizzico di sale.
Importante: la paella non si mescola! Si lascia cuocere così, senza toccarla, facendo in modo che il riso si attacchi alla parte bassa della pentola.
Il riso bruciacchiato e attaccato alla paellera si chiama socarrat e per me (e per quasi tutti gli esseri umani paellari) è la parte più saporita di questo piatto.
Dopo 10 minuti si posizionano sul riso i gamberi e le cicale, e quindi si lascia cuocere il tutto per altri 10 minuti, sempre senza mescolare, fino a quando il brodo non sarà completamente evaporato.
La nostra prima PAELLA VALENCIANA DI MARISCO è pronta! Adesso puoi decorarla a tuo piacimento, con spicchi di limone o ciuffetti di prezzemolo!
paella madrid

Nota importante: le due “L” si pronunciano come una grossa I “PAEIIA“: non fare come mio padre che chiama questo piatto PAELLA, così come si scrive!!!

Read More →

TOMATE FRITO, lo squallore chiuso in un brick

Questo post è programmato per essere pubblicato il 13 marzo, mentre io sono in viaggio in CHIAPAS!

Nella Top10 delle ossessioni nella mia vita in Spagna primeggia indubbiamente EL TOMATE FRITO, cioè il pomodoro fritto, agghiacciante surrogato della salsa.
Caro amico terrone che vuoi venire a vivere a Madrid, ti ricordi quelle lontane domeniche di fine anni ’80, quando si andava a casa della nonna a fare la salsa???
Con la mamma e le zie che bollivano i pomodori nel pentolone del militare, e tutti noi piccoli dovevamo fare lavori umilianti come trasportare le bottiglie vuote da una parte all’altra? (che quelle piene le facevano portare ai cugini più grandi…).

Ebbene tutti questi ricordi terroni sono tanto dolci quanto velati e lontani, ma si trasformano in leggenda ogni qual volta il mio campo visivo incontra lui: EL TOMATE FRITO.
Che venga un herpes zoster all’inventore del tomate frito, che ha preso la salsa e invece di imbottigliarla come i cristiani ha pensato bene di friggerla prima, e non nell’olio d’oliva ma nell’olio di girasole!!!
La cosa più terribile del tomate frito è che gli spagnoli lo usano così, alla brutto dio: aprono il brik e lo versano FREDDO sulla pasta o sul riso. I più evoluti lo riscaldano, ma senza aggiungerci nessun tocco personale. No, direttamente dal brick alla padella, senza passare dal via.
Se non mi credi leggi il bric: ¡ABRIR Y SERVIR! no calientar ni hostia, aprire e servire!!!

Tomate frito, mi sfami ma ti odio!

Di tomates fritos ce ne sono mille milioni ma il più famoso è quello della marca HACENDADO, vero monopolio alimentare nella Penisola Isterica.
Ha un sapore molto forte, con un vago retrogusto di pomodoro, e si presenta in stato semi-solido.
È proprio un cremone denso, tipo balsamo per capelli! Capito??? L’aspetto più inquietante di questo prodotto alimentare è che el tomate frito è talmente radicato nella cultura spagnola che gli iberici pensano sia un prodotto sano e naturale, e lo danno da mangiare agli ammalati e ANCHE ai bambini.
Cioè a 2 anni il parmigiano non lo danno ma il tomate frito si. No va bè, parliamone!
Poi se un giorno hai la diarrea e lo dici a qualche amico spagnolo preparati: il consiglio sarà pranzare arroz con tomate frito para estar bien.
Essendo fritto nell’olio di girasole questa salsa è grassissima, e ne ho le prove:

Tutti ciccioni con il tomate frito!

Mentre la passata di pomodoro italiana è DAVVERO sana e leggera:

Passata di pomodori, dolci ricordi!

Per favor, qualcuno mi spedisca una bottiglia di passata di pomodoro italiana!!!
Per concludere inserisco la nuovissima pubblicità del DIA, che ci aiuterà a riflettere su 2 drammatiche verità e 1 bugia iberica:

1) La ragazza solo dopo aver buttato la pasta si accorge che non ha il condimento (GULP!)
2) Il maschio iberico le procura TOMATE FRITO e lei lo riscalda nella padella senza aggiungere un goccio d’olio, una fogliolina di basilico, un pezzettino d’aglio… niente!
3) Lei gratta il parmigiano: BUGIAAAAA!!! Nessuno spagnolo gratta il parmigiano!!! I buongustai lo comprano già grattuggiato!
Distrutta dal tomate frito me despido!

Read More →

Ristoranti a Madrid: CASA MINGO

Oggi devo, ahimè, sfatare un mito: il mito di Casa Mingo!

Casa Mingo è uno dei luoghi più tipici e conosciuti di Madrid, dove negli anni novanta si mangiava il POLLO ASADO più buono della Penisola Isterica (questo me l’hanno raccontato, perché io negli anni 90 mangiavo il pane di Altamura e mi disinteressavo completamente delle esoticità spagnole).
Insomma tutto il web propone Casa Mingo come la POLLERIA più buona di Madrid e allora io, curiosa come una scimmia, sono andata personalmente a provare il Pollo Mingo, chiedendomi “sarà mai possibile che il Pollo Mingo sia più buono del pollo di El Murciano??”.
Ebbene mio caro amico italiano che vuoi venire a vivere a Madrid la risposta è NO!

Devo dire che Casa Mingo è un posto che sotto un profilo estetico risponde perfettamente ai miei canoni. È arioso, casereccio, chiassoso, relativamente pulito, con birra fredda e si mangia seduti, quindi al locale Mingo io non posso chiedere proprio niente. Quando arrivi ti danno subito il pane, la birra e il menu dell’uccello terricolo che ha ben due varianti: mezzo pollo o un pollo intero.
Poi ecco che in un batter d’occhio arriva il POLLO MINGO: succoso, morbido e al contempo croccante, digeribile e grassissimo, grande ma troppo piccolo.

Gustosissimo (non quanto il pollo de El Murciano, ma insomma se la cava!). Il problema quindi non è il pollo ma i contorni: a Casa Mingo NON hanno le patate fritte, non hanno i Pimientos de Padrón, non hanno setas e addirittura l’insalata non è artigianale, ma la comprano all’ingrosso e la servono in vassoi incelophanati con dentro una bustina d’olio e una d’aceto!!!

Cioè la politica del Signor Mingo è “sbattimento zero” e quindi lui prepara solo pollo. Aaaaaaaaa Mingoooooo!!! Se non ti impegni un po’ non otterrai mai il titolo di Miglior Asador de Pollo de Madrid da www.vivereamadrid.it!
Comunque Mingo resta un’esperienza da vivere a Madrid, quindi ecco l’indirizzo:

Ver mapa más grande
E adesso consumato dal desiderio del POLLO ASADO ti invito fortemente a votare il brano del concorso di scrittura creativa!
Domani chiudono le votazioni, in premio 50 euro in voli last minute

Read More →

CHORIZO: quando la dimensione non conta…

Oggi ho un grandissimo dubbio di costume e società spagnola, che mi tormenta, e non ne posso più!!
La questione è: perché gli spagnoli non sempre (=quasi mai) tolgono la pelle al chorizo?? E più in generale il quesito esistenziale che ti pongo, mio caro amico italiano che vuoi venire a vivere a Madrid, è: cosa rappresenta il chorizo nella cultura spagnola??

Questo insaccato porcellone dalla forma cilindrica, che sia grosso o sottile, dritto o curvo, sul rosa o tendente al negro perché piace tanto agli spagnoli??
Noi italiani abbiamo il salame, il prosciutto crudo, la bresaola, la super mortadella però non ci rispecchiamo in nessuno di questi salumi, non infiliamo ovunque questi pezzettini voluttuosi, possiamo preparare lenticchie e uova fritte anche senza grassi animali. Gli spagnoli no! Agli spagnoli il chorizo piace, fa parte del loro essere e più in generale direi che IL MAIALE STA ALLO SPAGNOLO COME LA SPIGA DI GRANO STA ALL’ITALIANO.
Allora siccome io sono oramai mezza spagnola (e in alcuni momenti anche ¾) devo ammettere che anche io amo e amo il chorrizo, e se voglio essere felice io alle 18.00, appena uscita da lavoro, vado al Museo del Jamon a fare merenda con un panino di chorizo a 1 euro. ¡Da paura!
L’unico problemone è che, come ti dicevo, in Spagna non tolgono la pelle del chorizo! Cioè anche nel panino ti danno “pelle e tutto” (come si direbbe a Bari), quindi è praticamente certo che si concretizzi uno degli incubi più frequenti delle mamme italiane: che la pelle del salame o il filo di grasso del prosciutto ti vada di traverso!
Se esci indenne dall’esperienza panino-con-chorizo-e-pelle potrai provare una delle mille ricette spagnole con chorizo.
Io ho selezionato le più impressionanti, in un crescendo di terrore:

  • Judias con chorizo (fagioli con chorizo, estendibile più in generale a tutti i legumi)
  • Paella con chorizo
  • Sopa de fideos con pollo y chorizo (brodo con pastina, pollo e chorizo)

E infine, regina degli orrori….


No, i Macarrones con chorizo non posso proprio mangiarli, non ce la faccioooo!
Madrid perdonami ma io davanti ai macarrones con chorizo vorrei solo prendere voli aerei e correre verso una teglia di patate riso e cozze!

Read More →

EL TINTO DE VERANO

Che si fa a Madrid quando fa tanto tanto tanto caldo?? Si beve EL TINTO DE VERANO!
Questa bevanda pare sia buonissima, ed ha una ricetta molto semplice.
Ma perchè dico “pare sia buonissima”?? perchè se anche tu come me ami il VINO buono non ti sarà facile assaggiare un beverone di vino e acqua tonica!
Cmq se vuoi avventurarti in questa esperienza iper-iberica eccoti la ricetta:
• 1/2 litro de vino rosso.
• 1/2 litro di acqua tonica.
• Ghiaccio.
• Rondelle di limone (facoltative ma fortemente consigliate)
Ora che hai tutti gli ingredienti devi solo mischiare il vino con l’acqua tonica, e aggiungere le rondelle di limone. Quando il miscuglione è pronto servilo in bicchieri a tubo, con MOLTO ghiaccio!

Se sei un pò viziosello puoi fare delle piccole varianti al TINTO DE VERANO, come sostituire il vino con il martini, o togliere l’acqua tonica e lasciare solo il vino così il TINTO DE VERANO sarà più forte, quindi più alcolico, quindi potrai raggiungere in tempi brevi lo scopo che ogni spagnolo che si rispetti si prefigge: UBRIACARSI!

Sappi che il TINTO DE VERANO non si usa per fare el botellón, ma è la tipica bevanda da bar o per accompagnare i pasti, ma SOLO in ESTATE (VERANO= ESTATE).
Io adesso scappo in aeroporto per prendere il mio volo low cost destinazione….non posso dirlo! Non oggi almeno, ma martedì al mio ritorno SI!

Read More →

GAZPACHO, el alma de España

Oggi a Madrid abbiamo toccato i 39º!!! TRENTANOVE GRADI CENTIGRADI!!! (AIUTO!!)
¿E che si mangia a Madrid quando il caldo ti toglie le forze, le energie e le voglie?
Si magia il GAZPACHO, una prelibatissima bevanda a base di POMODORO che viene trattata come cibo, e ti permette di mangiare bevendo, senza consumare preziose energie nella masticazione.


Pare che la parola GAZPACHO (si legge GASPACIO) venga da CASPA, che significa forforama non pensare che l’ingrediente segreto del gazpacho sia la forfora!!! CASPA significa anche frammento, proprio perché nella ricetta originale gli ingredienti del gazpacho non erano frullati la pestati con il mortaio, e quindi restavano dei pezzettini.
I primi gazpachos che si conoscono erano composti da pane, olio, aceto, aglio e a volte frutta secca, soprattutto mandorle, mentre dal secolo XVI il GAZPACHO include anche verdure.
Il GAZPACHO, come tutte le cose buonissime, ha infinite varianti, ma secondo me la ricetta più antica e più buona è quella del GAZPACHO ANDALUZ, che per secoli ha costituito il pasto dei contadini della terronia di Spagna.

Il GAZPACHO ANDALUZ è composto da pomodori, peperoni, cetrioli, agli, cipolle, pane , sale, olio e aceto.
Poi abbiamo il Gazpacho Extremeño (una crema con cipolla, pomodoro, un poco di mollica di pane, pepe nero, sale, olio, aceto e crostini di pane), Gazpacho Montanchez (sempre extremeño): una emulsione di olio, uovo duro e asparago, il Gazpacho de pastor (che ha solo cetriolo, pane, cipolla, sale, olio e aceto) il Gazpacho del norte (con pomodoro e basilico), il Gazpachuelo o gazpacho de pobres (gazpacho dei poveri, è come l’Andaluso ma si aggiunge acqua)
Gli spagnoli se la tirano TROPPO per aver inventato il GAZPACHO, e secondo me hanno tutta la ragione, perchè oltre a essere buonissimo è anche sano! I suoi grassi vegetali servono per combattere il calore e le infezioni, ed inoltre ha vitamine, minerali, lipidi, proteine e antiossidanti. E poi un bicchiere di GAZPACHO contiene solo 120 calorie!! Quanto un noiosissimo pacchetto di crackers!! Più gazpacho e meno crackers per tutti!
Anche Gregorio Marañón nel suo libro «El alma de España» diceva: si pudiera añadírsele un buen trozo de carne podría considerarse el gazpacho como alimento muy próximo a la perfección.
ATTENZIONE mio caro amico italiano che vuoi venire a vivere a Madrid! Non confondere il GAZPACHO con il SALMOREJO! Quest’ultimo ha una variante importante: pezzettini di uovo sodo che navigano nella divina zuppa fredda!

Se sei a Madrid e pensi di scioglierti vai in un bar e ordina un GAZPACHO: il suo costo varia dai 2 ai 5 euro al bicchiere, è freddo, è buono, è sano, non è alcolico (il che essendo in Spagna ha del miracoloso) e ti fa bene.

Read More →

Tradizioni spagnole: LA TORRIJA

Oggi si parla di una cosa che a me fa un po’ senso, però agli spagnoli piace da matti, e questa cosa qui è LA TORRIJA (attenzione mio caro amico italiano che vuoi venire a vivere a Madrid: la J di TORRIJA ha una pronuncia simile al suono che si emette espellendo il catarro!).
Si tratta di un dolce tipicissimo spagnolo, che si mangia duranta la quaresima, e si tratta di una fettona di pane che viene bagnata nel latte o nel vino, poi immersa nell’uovo, FRITTA e infine aromatizzata a proprio piacimento con diversi ingredienti come: cannella, liquore, miele o zucchero.

Questa fettonazza di pane dolce e fritta venne inventata come cibo ricostituente per il recupero delle partorienti, ma ecco la cosa curiosa: viene fritta e presentata imitando la carne, perché è di origini povere e veniva mangiata proprio da coloro che non avevano i mezzi economici per comprare la carne!
Se vuoi essere un vero madrileño super-gato devi preparare la TORRIJA aromatizzandola con la buccia del limone o dell’arancia.

Se invece ti frega un cazzo fritto di cucinare ma vuoi provare questo dolcione ti consiglio di andare al mercadona, dove per  1 eurino e ½ potrai acquistare la tua TORRIJA e ubriacarti di pane fritto!

Questa fettonazza di pane dolce e fritta venne inventata come cibo ricostituente per il recupero delle partorienti, ma ecco la cosa curiosa: viene fritta e presentata imitando la carne, perché è di origini povere e veniva mangiata proprio da coloro che non avevano i mezzi economici per comprare la carne!
Se vuoi essere un vero madrileño super-gato devi preparare la TORRIJA aromatizzandola con la buccia del limone o dell’arancia.
Read More →

Un vizietto degli spagnoli: ¡LA MERIENDA!

Siccome adesso che è cambiato l’orario io arrivo a casa con il sole e ho molto più tempo per me, ho pensato di parlare di una cosa bellissima che si fa il pomeriggio: ¡LA MERIENDA! In Spagna, così come in Italia, la merenda si fa tra il pranzo e la cena, però siccome qui gli orari sono tutti sballati la merenda spagnola avviene tra le 18.00 e le 19.00. In Spagna non esistono le merendine tipo Mulino Bianco, e per questo qui la merenda è molto più casereccia: quando è salata è costituita da un panino con qualsiasi salume grassolone e formaggio ed il luogo ideale per consumarla è il MUSEO DEL JAMON, mentre quando la merenda è dolce si mangia una PALMERA (bianca o al cacao), che in questa foto non sembra ma ha una superficie di 2 m² ed un sapore plasticosissimo. Se invece vuoi fare una merenda dolce e 100% spagnola devi solo procurarti un panino (anche una rosetta va bene) e una tavoletta di cioccolato, e preparati anche tu il BOCATA DE CHOCOLATE! Questa merenda è tuttavia attualissima in Spagna, ed è l’antecedente delle ipercaloriche merendine italiane! Io non ho mai avuto il coraggio di mangiare un BOCATA DE CHOCOLATE ma giuro che un giorno o l’altro lo provo! E che si beve in Spagna a MERENDA? Bhè, ovviamente dipende dall’età e dai gusti, ma solitamente si beve: una caña (una birretta, ma solo se la merenda è salata!), leche (latte), cafè cortado (caffè con un po’ di latte), cafè con leche (latte con un po’ di caffè), o COLA CAO! Il COLA CAO è cacao in polvere, tipo Nesquik ma OVVIAMENTE leggermente più grassone di questo! Infatti mentre il Colacao apporta 361 calorie ogni 100 grammi il Nesquik ne ha solo 266!!!! Mamma mia come piacciono le cose ipercaloriche agli spagnoli!!

Se ami la Spagna, se sei a Madrid in vacanza, per lavoro o per viverci, se hai un amico spagnolo, se un ispanico/a ha rapido il tuo cuore DEVI, e dico DEVI, provare il COLA CAO, fiore all’occhiello della cultura spagnola.

Provando il COLA CAO, magari con la PALMERA, ti accorgerai che gli spagnoli di dolce non hanno niente, e che sono meglio sotto sale! Hjhjhhj!

Read More →

Un brindisi all’ITALIA nel MUSEO DEL JAMON

AUGURI ITALIA!

Questo post di oggi lo dedico alla mia madrepatria: la meravigliosa, caotica e contraddittoria ITALIA!! Allora per festeggiare ITALIA oggi parlerò di una cosa sublime della mia madrepatria adottiva (la Spagna): il MUSEO DEL JAMON, il museo più chiassoso e appetitoso di Madrid. Si tratta di una catena famosissima in tutta la Comunità Autonoma di Madrid, e in alcune altre città della Spagna, ed è uno dei luoghi più spagnoli che io abbia mai visto. Il MUSEO DEL JAMON è un bar, sempre di dimensioni piuttosto importanti, con le pareti completamente rivestite di prosciuttoni.

In un angolo c’è la salumeria, dove non solo potrai comprare il jamon al taglio, ma anche formaggi, dolci e pane (70 centesimi la barra). Ma la parte seria del MUSEO DEL JAMON è la barra, che percorre tutto il locale ed è sempre sovraffollata di gente. Sgomitando e urlando un po’ riuscirai ad attirare l’attenzione del cameriere (nel MUSEO DEL JAMON il cameriere è sempre un uomo di mezza età, non è mai un 20enne gnocco, sappilo mia cara amica italiana che vuoi venire a vivere a Madrid!) e potrai finalmente disfrutar di UN MENÙ COMPOSTO DA ARTICOLI CHE COSTANO SOLO 1 EURO L’UNO!!! Ma ci rendiamo conto??? Cioè al MUSEO DEL JAMON un panino con il prosciutto costa 1 eurino!! E un panino al formaggio?? Pure! E un caffè? Uguale! E una fanta? Lo stesso! E la birra? Idem!!! È incredibile, lo so, ma è la vera verità! Il MUSEO DEL JAMON è di per sé un ottimo motivo per cercare voli low cost e correre a Madrid!

Allora la procedura è questa: tu vai alla barra e ordini una birra, quindi con la birra loro ti daranno tapas. SOLO DOPO AVER AVUTO LA TUA TAPA dovrai ordinare da mangiare! Mi raccomando, non fare il turistoski chiedendo cibo e bevande insieme! La leccornia del MUSEO DEL JAMON è il Pan Tumaca, che può essere di due tipi: o con jamon iberico (2 euro) o con jamon nornale (1 euro). Sono buonissimi entrambi! Il MUSEO DEL JAMON è aperto praticamente sempre, ma secondo me l’orario ideale per andarci è il pomeriggio verso le sei, quando ci sono i nonni a fare merenda con il chorizo! Inoltre nelle belle giornate potrai anche prendere il sacchetto pic-nic, ed andare a mangiarlo al Retiro! Con soli 2 euro ti daranno: un panino, una bevanda e una frutta! !A questo punto avrai ben capito che il MUSEO DEL JAMON è un luogo perfetto! E invece NO! Anche il MUSEO DEL JAMON ha un piccolo difetto! Essendo un posto 100% spagnolo ha la particolarità di avere i bagni al piano di sotto, e questa secondo me è una pecca, perché alle 5ª birra (quindi quando avrai speso ben 5 eurini!) fare quelle scale pesa…Per il resto si tratta di un museo sublime, perfetta fusione tra architettura e arte, contenitore e contenuto. Lo spettatore-magnone non appena entra nel MUSEO DEL JAMON viene accolto da luce, chiasso, prosciutti appesi e un odore conturbante di grasso animale: ne resta abbagliato, e non dimentica l’esperienza.
E adesso in alto i calici y los jamones, brindiamo all’ITALIA!

Read More →

La patatina tira

Se ami la patata (intesa come tubero) devi assolutamente venire a cenare dietro casa mia, in Calle Ferrocarril 21. Dopo il Museo del Prado, il Reina Sofia, il Museo Thissen e il Museo del Jamon una tappa imperdibile per gli amanti dell’arte e del cibo è EL MUSEO DE LAS PATATAS, un piccolo bar di quartiere trasformato nel Tempio di DOÑA PATATA.

In questo posto potrai mangiare qualsiasi cosa accompagnata da PATATE ad un prezzo davvero irrisorio, ed ovviamente bere tanta e tanta birra per un prezzo che oscilla tra 1 euro e 1,20 euro, a seconda se consumi al banco (in piedi, o al massimo appoggiato alla barra, proprio come piace agli spagnoli) o seduto al tavolo (come si fa nel resto del mondo).
Le cose curiose de EL MUSEO DE LAS PATATAS sono tre: la prima è che si tratta di un luogo assolutamente didattico, dove numerosi cartelli e poster informano sul valore nutritivo della patatona, ricca di vitamina C, fondamentale per la nostra nutrizione (assieme ai suoi amici Pomodoro e Limone).

La seconda cosa interessante è che tutti i piatti di qualsiasi-cosa-con-patata hanno anche l’uovo. Se la razione è intera ci sono ben due uova per ogni piatto, se invece è una mezza razione troverai solo un uovo. Se anche tu, mio caro amico italiano che vuoi venire a vivere a Madrid, sei allergico alle uova proprio come me NON TEMERE! Il proprietario de EL MUSEO DE LAS PATATAS ti preparerà un piatto senz’uovo, ma con il doppio di patate! Che bello!
La terza e ultima cosa straordinaria del EL MUSEO DE LAS PATATAS è proprio il suo proprietario: un anziano dalla faccia peculiare e con un discreto culto del proprio io, che ha rivestito il locale di sue foto (tra i manifesti pro-patata). In una di queste immagini si potrà ammirare da giovane, con l’uniforme de los Regulares de Melilla (io non l’avevo mai vista una immagine così!!!).
Quando andrai a EL MUSEO DE LAS PATATAS potrai ordinare qualsiasi cosa: è tutto buonissimo! Non posso consigliarti niente!

W LA PATATA E BUONA FESTA DELLA DONNA A TUTTE NOI DONNE PATATOSE!

Read More →

Cosa vedere a Madrid: el Mercado de San Miguel

Questo post di oggi parla del Mercado di San Miguel e lo dedico a Giacomo di Gravina di Puglia, questo sconosciuto amico italiano che vive a Madrid. (Giacomo, ogni tanto compri i voli Ryanair per Bari?? ¡¡¡Ancora fallisce la tratta!!!). Il Mercado di San Miguel è una vera chicca di Madrid: si tratta di un mercato, situato a pochi metri da Plaza Mayor, che conserva la struttura in ferro dell’inizio del XX secolo.

In realtà il suolo dove adesso si erge elegante e imponente il Mercado di San Miguel fu sempre caratterizzato da ferventi attività sociali: prima c’era una parrocchia (dove fu battezzato il celeberrimo drammaturgo Félix Lope de Vega),e quando questa fu distrutta in un incendio nel 1790 si decise di demolirla e dedicare il suolo alle attività commerciali. L’edificio in ferro che vediamo adesso fu costruito solo nel 1913, con uno stile nettamente parigino, e si tratta dell’unico esempio di architettura di ferro di Madrid. Con gli anni il Mercado di San Miguel andò incontro a una importante decadenza, ma grazie ai fondi della Comunità Europea nel 1999 si poté ridare alla struttura il suo aspetto originario. Successivamente si costituì la società El Gastrónomo de San Miguel, con l’intento di migliorare le attività commerciali tradizionali seguendo l’esempio de La Boquería di Barcellona. Insomma, da essere un mercato qualsiasi San Miguel si è trasformato in un posto radical-chic dove prendere un aperitivo, bere una birra, comprare un libro o una pianta e, magari, anche sognare di fare la spesa.

Così mi contraddico da sola, visto che affermo sempre che gli spagnoli non sono fighetti e il mio sconosciuto amico di Gravina dice che invece mi sbaglio! Ebbene, San Miguel è un posto pijo, ma se fosse a Roma o a Milano sarebbe infinitameeeeente più pijo! Ma quanto costa fare la spesa al Mercado di San Miguel? UN BOTTO! Le mele costano 2,90 euro al kg, la pasta fresca 10 euro al kg e i fagioli verdi a 15,50 euro!!!

Ma siamo matti?? Inoltre al Mercado di San Miguel ci sono anche frutti esotici, primizie, kg e kg di jamon iberico bellota e vini pregiatissimi! Insomma, non ha niente a che vedere con il Marcado di Santa Maria de la Cabeza di fronte casa mia, e proprio per questo San Miguel è un bellissimo posto da vedere e per passeggiarci dentro, più che per fare la spesa.
Ma Chechi ha una bancarella preferita al Mercado di San Miguel? SI! Il pescivendolo! Io infatti quando sono depressa ma voglio sentirmi una gran figa vado lì e mi mangio 1 ostrica per 1 euro, e poi vado a fare la spesa al Mercadona!

Se vuoi sapere cosa vedere a madrid vai nell’apposita sezione del blog!

Read More →