De tapas a Madrid: il Museo del Jamón

La gravidanza è un momento magico, lo so bene io che oscillo tra insonnia e sbalzi ormonali, e il mio più grande punto di riferimento degli ultimi 8 mesi è la gastrite!
Ma tra le emozioni impagabili di avere un piccolo alien nella pancia c’è anche una mancanza, o forse è meglio chiamarla un piccolo supplizio, una torturina a tempo determinato: non poter mangiare il jamón serrano, cioè il prosciutto crudo.
museo jamon madrid
Mio caro amico italiano che vuoi venire a vivere a Madrid, non so se ti rendi conto di cosa significhi non poter mangiare il jamon serrano in spagna. Puoi davvero essere empatico e capire quello che sto vivendo in questi mesi??
È come andare a Bari ed essere celiaci quindi rinunciare a focaccia e panzerotti! È come vivere in Sicilia stando a dieta! Una tortura!!!
Sono quindi diversi mesi che sogno piatti di jamon serrano brillante di grasso, un peccato libidinoso a cui mi abbandonerò appena potrò varcare la soglia del MUSEO DEL JAMÓN, cioè il “museo del prosciutto”.
madrid museo jamon
Questa straordinaria catena di locali (gli originali sono solo a Madrid capitál e sono circa otto, diffida delle imitazioni!!!!) fu fondata nel lontano 1978, e vanta il primato di essere uno dei primi bar tematici della nazione.
Il più antico è quello del paseo del Prado, situato nel cosiddetto triangolo dell’arte di Madrid, ed è stato battezzato Museo del Jamón proprio per non sfigurare davanti ai vicini museo del Prado, museo Thyssen e museo Reina Sofía.
Il Museo del Jamon presenta tutte le caratteritische del bar spagnolo per antonomasia: è pieno di cartacce sul pavimento, è chiassoso, la gente si accalca al bancone e si mangia schiacciati tra sconosciuti (sebbene esistano anche sale con tavoli e sedie, ma riservate per pranzi e cene, non per rapide merende), e ha un arredamento atemporale che non è mai stato di moda ma non sarà mai davvero superato. Uno stile contro ogni legge del design, con luci a neon, slot machine (immancabili nei bar madrileñi) e specchi a gogo
Questa catena di bar-ristoranti oltre a sfamarti e dissetarti a prezzi ridicoli (i panini costano a partire da 1 euro) ti svelerà in pochi secondi perché gli spagnoli sono allegri e positivi mentre noi italiani siamo sempre piuttosto nevrotici: la birra è addirittura più economica di un espresso (una caña, cioè un bicchiere di birra, 80 centesimi!)!!!

tradizioni a madrid

jamon madrid
Il Museo del Jamón è sempre caratterizzato da una vasta sala con soffitti molto alti da cui pendono centinaia di jamónes di dimensioni mastodontiche e da un enorme bancone su cui ogni giorno centinaia di persone si accalcano per ordinare panini e piatti di salumi.
Purtroppo da qualche mese i prosciutti sospesi sono rivestiti con una stoffa, ma fino a poco tempo fa erano appesi senza nessuna copertura, c’era solo un piccolo contenitore di plastica, infilzato nella parte inferiore del prosciutto, che raccoglieva il grasso colante: immagina che odore!
madrid jamon museo
Varcando la porta di uno qualsiasi di questi locali lo troverai sempre affollatissimo: inutile rimandare la vostra visita ad altri orari, questo “museo” è sempre pieno di autoctoni e turisti affamati e assetati, con un picco di gente nelle ore della merenda, pasto assolutamente sacro nella cultura spagnola.
Dalle 17.00 alle 19.30 potrai osservare coppiette di anziani o gruppetti di settantenni (spesso tutte donne o tutti uomini, perché in Spagna le uscite tra amici dello stesso sesso sono sacre a ogni età!) affaccendati nel consumare lo spuntino tipico del bar, birra e panino.
Se non hai molta fame potrai ordinare solo da bere: come nella migliore cultura spagnola con ogni birra riceverete una tapas, cioè un aperitivo gratuito, che in questo bar ovviamente consiste in un piattino di salumi. Se invece hai voglia di un pasto in un ambiente più bucolico potrete ordinare l’economicissimo menu picnic (panino, bevanda e frutta in un sacchetto di carta) e mangiarlo in uno dei numerosi parchi e giardini della città.

Se le esperienze estreme non ti fanno paura potrai anche provare il cornetto ripieno di jamon: io non posso farcela. tu?
madrid jamon
Tra le cose incredibili di tutti i locali della catena non si può dimenticare di citare la memoria fotografica e matematica dei camerieri, che non prenderanno mai nota di quello che si ordina ma ricorderanno perfettamente ogni cosa, e porteranno sempre il conto corretto. Ognuno di questi bar dispone anche di un banco frigo dove poter comprare i salumi al peso.
Sono in vendita tutti i tipi di jamon che si possano trovare sul mercato, ma il più prelibato, e il più caro, è il jamón bellota, fatto dai maiali che hanno vissuto allo stato brado mangiando solo bellotas, cioè ghiande.
Nei giorni di freddo intenso io adoro abbinare al panino una sopa, cioè la zuppa, ovviamente dal sapore di jamón, per riscaldare lo stomaco subito prima di raffreddarlo con un bel sorso di birra gelata. Perché a Madrid alla birra ghiacciata non si rinuncia mai!

Read More →
CAZZO in spagnolo

CAZZO in spagnolo

Caro amico italiano che vuoi venire a vivere a Madrid, scusa la volgarità del titolo di questo post ma ricevo troppe domande sulle parolacce in spagnolo e più in generale su come tradurre “cazzo!”, intercalare...

La Tomatina!

La Tomatina!

Oggi non è un giorno come gli altri in Spagna, e soprattutto nel comune di Buñol, a Valencia, dove oggi iniziano le celebrazioni de LA TOMATINA, una delle feste spagnole più incredibili e peculiari che...

Ridiamoci sopra….

Ridiamoci sopra….

A fine agosto in Spagna ci si prepara per “la vuelta al cole”, cioè il ritorno a scuola. Ecco un favoloso scatolone con jamón, chorizo, salchichón, olio e formaggio puzzolone: essenziale per il nuovo anno...

Bandiera della Spagna

Bandiera della Spagna

Uno dei temi più controversi della Spagna riguarda proprio la sua BANDIERA. Cambiata numerose volte nel disegno e negli stemmi, l’attuale bandiera spagnola è volutamente ignorata dalle regioni che lottano per l’indipendenza (prima tra tutte...