Colazione a Madrid: La Mallorquina

Ci sono cose che non si possono spiegare, bisogna VIVERLE per capirle. Una di queste è la maternità… prima che diventassi MAMMA i mirabolanti racconti delle mie amiche con prole mi sembravano impossibili, in concreto pensavo che le seguenti frasi fossero frutto di immaginazione, o per lo meno esagerazione: - Ho passato tutta la notte ad allattare – Sono due giorni che non mi faccio la doccia – Non ho tempo di usare il balsamo – Da quando ho partorito non leggo un libro – Fammi un riassunto di quello che succede nel mondo perchè sono settimane che non leggo un giornale …e via dicendo… INVECE adesso che anche io sono mamma ho scoperto che queste frasi sono assolutamente vere!!! Quindi, mia cara amica che vuoi venire a vivere a Madrid,  questo spiega perchè è da più di un mese che non scrivo un post!!! Durante la gravidanza e nelle prime settimane di maternità speravo che sarei riuscita a restare blogger, oltre che giovanedonna-moglie-figlia-sorella-amica e ovviamente mamma, e invece la dura verità è che sono diventata mamma quasi cancellando tutte le altre me! MA è questione di tempo, è solo un periodo! Dicono che duri circa 10 anni, ma insomma prima o poi finirà! Dunque che faccio tutto il giorno, oltre a cambiare pannollini e muccolare??? Diverse cose (ma tutte velocemente, male e alla disperata), come ad esempio andare a fare colazione a La Mallorquina. colazione spagnola Qui oltre a fare uno spuntino e prendere un caffè è possibile vivere un’esperienza autenticamente madrilena, poiché questa pasticceria dal lontano 1894, quasi senza aver effettuato modernizzazioni, sfama e istiga al peccato di gola i passanti, grazie alle tre enormi vetrine ricolme di dolci e di qualche specialità salata. Impossibile resistere al richiamo della colazione o merenda spagnola, non ti resta che seguire la corrente e farti trascinare all’interno, seguendo il divertente e un po’ caotico ritmo del bar! colazione a madrid Il piano terra è diviso in tre zone: il bancone, le vetrine con cioccolatini e paste secche e le vetrine dei dolci freschi e delle specialità salate. La missione impossibile sarà individuare quello che più ti piace e pagarlo, per poi raggiungere il bancone e passare lo scontrino al primo cameriere libero, qualora ce ne fosse uno! Qui bisogna letteralmente sgomitare con vecchiettie bimbi inferociti che, come nella migliore tradizione spagnola, si accalcheranno per fare merenda in piedi, con un dolce accompagnato da caffè o Cola Cao. Se la promiscuità e il vocio ti stressano potrai, con tenacia e un po’ di fortuna, passare al salone superiore, dove potrai spiare l’instancabile via vai di Calle Mayor. Cosa ordinare a La Mallorquina? Per fare onore al suo fondatore Juan Ripoll bisognerebbe assaggiare la ensaimada, un dolce tipico di Maiorca dal sapore leggero, composto da farina, uova, burro e zucchero, e cotto al forno. Io per strafare ordino sempre il brazo de gitano cioè il braccio dello zingaro, anche conosciuto come braccio di panna: un pan di spagna ripieno di panna e/o crema e arrotolato su se stesso, per poi essere ricoperto di zucchero, cioccolato, crema catalana, meringa, panna, o tutto quello che la mente di un pasticcere feroce possa concepire! Il nome “braccio” viene proprio dalla forma cilindrica del dolce, anche se probabilmente quando lo vedrai occhieggiarti dalla vetrina de La Mallorquina ti chiederai perché si chiami braccio e non gamba… dolci spagnoli E che bere? Con cosa accompagnare questo pasto zuccheroso? Anche qui le possibilità sono moltissime: per la colazione classica la scelta ricadrà su caffè e latte, ma se vuoi merendare come un autentico spagnolo la scelta sarà una, unica e sola: Cola Cao. Gemello separato dalla nascita del nostro Nesquik, il Cola Cao, ideato e fabbricato in Spagna, è amato e bevuto da tutti gli spagnoli, senza distinzione di età, sesso o classe sociale. A dimostrazione di ciò in qualsiasi bar della penisola troverai comodissime bustine monodose di Cola Cao, da sciogliere nel latte e in casi di emergenza anche nell’acqua (giuro che ho visto farlo!). colacao Sebbene sia cosciente del grande sforzo che richiede a noi italiani adulti bere un bicchierone di latte con cioccolato in polvere ti invito a farlo… del resto se stai facendo colazione o merenda a La Mallorquina è perché sei un viaggiatore, non un turista!

 

Read More →

Colazione a Madrid


A Madrid la tradizione vuole che si faccia colazione con CHURROS o PORRAS accompagnati da cioccolato, latte o caffè: ma di cosa si tratta?
cosa nascondono questi inquietanti nomi?
Si tratta di cilidri di farina di grano, acqua e sale impastati, plasmati e FRITTI!
La differenza tra i due è che los churros sono lunghi e sottili (spesso a forma di enorme tarallo), las porras pezzi di massa cilindrica, corti e grossi.

(La sensazione non è molto diversa da quella che si prova facendo colazione con gli avanzi della parmigiana…)

Per Chechi la colazione ideale è un bocata de queso (panino al formaggio) ma fino ad ora non solo nessuno mi ha dato ragione, ma sono anche costretta a subire gli sguardi inquisitori della gente ogni volta che faccio colazione al bar!

E tu che ne pensi?

e TU con cosa fai (o faresti) colazione a Madrid?
churros
porras
bocata de queso
queste cose mi fanno schifo, voglio pane e nutella
pollcode.com free polls
Read More →