12-M Madrid, quasi 15-M

Da ieri la Spanish Revolution ha PACIFICAMENTE ripreso vita a Puerta del Sol

el SOL es nuestro!

La piazza ha offerto questo 12 Maggio la stessa immagine di festa, allegria e energia di 12 mesi fa, quando il movimento spontaneo e fino ad allora sconosciuto prese possesso delle strade di Madrid sotto il nome di 15-M. Ieri circa 30000 indignatos hanno collassato fino all’alba il Km0 di Puerta del Sol, epicentro e punto emblematico della protesta.
Poco prima delle cinque di questa mattina la polizia ha fatto irruzione nella piazza, facendo sgombrare gli indignatos e arrestando 18 persone.

tristemente tutto il mondo è paese

Ma la piazza non è dei cittadini??? Io credo di si!

Ma questi dettagli risultano irrilevanti: il movimento continua, nessuno ci ferma!

Read More →

Elezioni spagnole 2011:¿dalla padella alla brace?

Mentre io sono sul divano in pigiama attorno a me (ma fuori da queste mura) tutto è fermento e impegno: oggi in Spagna si vota per il Governo!! Che emozione!!

Nonostate i tentativi di superare il bipolarismo la vera sfida resta quella tra Rubalcaba (PSO, sinistra, uno degli esponenti del governo uscente guidado da Zapatero) e Rajoy (PP, destra).
La campagna elettorale è stata monocorde e senza particolari slanci, mentre gli indignatos hanno manifestato (sempre in modo pacifico e democratico) per un voto responsabile, che superi il bipolarismo.
Ma chi vincerà queste elezioni? I giornali prevedono una inevitabile svolta a destra.
La politica di Zapatero non è piaciuta a nessuno, manco ai socialisti, e la crisi in Spagna è troppo forte: nella mentalità comune si crede (ingenuamente?) che cambiando governo si cancelli in debito pubblico e il dramma della disoccupazione.
Se vuoi conoscere un po’ meglio i due principali candidati delle elezioni spagnole 2011 ecco un’intervista a Rubalcaba, un’intervista a Rajoy e un interessante riassunto dei programmi elettorali sinistra/destra elezioni spagnole.
Adesso non ci resta che aspettare facendo quello che fa qualsiasi bravo spagnolo la domenica mattina: colazione con huevos fritos!
(io sono allergica alle uova, però PischiOne è in cucina a friggere il mondo!)

Read More →

Madrid, dove gli IDEALI vivono e diventano AZIONE

E se un giorno delle persone con IDEALI iniziassero a occupare delle case VUOTE di proprietà municipale e a prestarle agli sloggiati??
E se quello stesso giorno gli sloggiati trovassero nelle persone con IDEALI l’aiuto concreto e reale che lo stato (destra,sinistra,centro) non da loro nel momento in cui i mutui bancari li lasciano senza vie d’uscita? Questo giorno è arrivato a Madrid, dove il 19 ottobre gli Indignados hanno occupato HotelMadrid, a pochi metri da Puerta del Sol.

Quest’azione entra nell’ideologia della “reapropiación ciudadana de viviendas vacías” (riappropiazione cittadina delle case vuote) di fronte a “un Estado fallido, incapaz de garantizar los derechos más elementales y de atajar los más de 240 desalojos que se producen en España cada día” (uno Stato fallito, incapace di garantire i diritti più elementari e di evitare i più di 240 sfratti che si producono ogni giorno in Spagna), come segnala un comunicato ufficiale dell’iniziativa.
L’Hotel Indignatos non è un edificio occupato bensì restituito alla cittadinanza: potranno alloggiare lì solo coloro che hanno subito uno sfratto e che non hanno un altro posto dove andare, e che si impegnano a compromettersi e partecipare al progetto.
Nel concreto si richiede a coloro che beneficiano di questo alloggio provvisorio di partecipare alle assemblee, contribuire a impedire che altre persone siano sfrattate e decidere (assieme alla Oficina de Vivienda) chi ha davvero necessità di okkupare le stanze dell’hotel.
Il mattone ha fatto esplodere l’economia spagnola, permettendo una crescita economica brutale di questo straordinario paese, e questo stesso mattone adesso sta distruggendo la spagna: incalcolabili immobili invenduti, mutui non pagati, case sfitte, più di cinque milioni di disoccupati.
Gli Indignatos cercano di fermare questo sistema perverso contrapponendosi agli sfratti e trovando un alloggio per coloro che sono stati buttati in mezzo ad una strada da una banca, mentre l’economia precipita e il 20 Novembre si vota.

¿España, que será de nosotros?


Raccontami quello che pensi della Spagna: partecipa al concorso di scrittura creativa e vinci 50 euro in offerte Ryanair

Read More →

Spanish revolution

Spanish Revolution. Nato circa una settimana fa come movimento di protesta popolare completamente apartitico quest’onda sana, forte, giusta e incontrollabile ogni giorno si fa più FORTE e GRANDE. Nonostante i molteplici tentativi di politici e giornalisti di sminuire il fenomeno e presentarlo come un battellon di massa a Puerta del Sol la Spanish Revolution non ha niente a che vedere con il divertimento, e meno ancora con l’alcol.
Si tratta di una rivoluzione sociale, che si espande rapidamente, rompe gli equlibri e propone nuove idee, e per questo fa paura.

La Spanish Revolution chiede asili, scuole e ospedali completamente pubblici, condizioni di lavoro migliori, stipendi degni per tutti, annullamento dei privilegi dei policiti, cambio della legge elettorale, rinnovamento della classe politica, azioni sociali per la gente, y mucho más…
Sono stata moltissime volte/ore a Puerta del Sol negli ultimi giorni, e ogni volta l’emozione è stata unica: una manifestazione allegra e seria, senza la paura della polizia, senza le bandiere dei partiti, senza i sindacati, senza nient’altro che LA VOGLIA DI CAMBIARE

La metro di Puerta del Sol


Cartelli sulla statua equestre di Carlo III, Puerta del Sol

Una delle portavoci del movimento con la traduttrice per i sordomuti e i giornalisti

A Sol c’è il Sol anche di notte

IL NOSTRO SORRISO NON HA PREZZO



le ruote che muoveranno il mondo

Domani si vota. Oggi sempre e comunque a Sol.

Read More →

Le elezioni a Madrid

Oggi avevo deciso di fare un post un po’ autobiografico e parlare dei PRANZI DI LAVORO A MADRID, ma poi sono passata da Sol e ho deciso di cambiare il tema, e parlare di un nuovissimo movimento politico e apartitico che sta dilagando in Spagna, e soprattutto a Madrid, dove l’intera piazza di Puerta del Sol da qualche giorno è COMPLETAMENTE OCCUPATA dai manifestanti.


Ma che si manifesta? L’indignazione e il disprezzo per la classe politica dominante (al governo o all’opposizione).
Il motto è NO LES VOTES (non votarli) e l’idea è chiaramente espressa in questa web e in questo manifestino:

SE VOTI UGUALE TI FOTTERANNO UGUALE

Il tutto a pochissimi giorni dalle elezioni, che avranno luogo la prossima domenica e dove ANCHE IO PER LA PRIMA VOLTA VOTERÒ IN SPAGNA! OLÈ!
Allora io vorrei dire che questo movimento NOLESVOTES mi sta abbastanza simpatico, PERÒ credo che manchi un pò di propositività. Criticare e criticare…ma l’alternativa qual’è? Non si è capito, però io ho manifestato uguale contro il magna magna e pro-cambio.

Read More →