Una domenica a Madrid

Elenco delle cose che hanno reso questa domenica 3 giugno a Madrid BELLA:

  • Sapere che tra una settimana arriva Marione
  • Passeggiare per Lavapies sentendomi in India grazie al BOLLYMADRID

Tutto a 1 euro

avrei voluto mangiare tutto ma alla fine non ho provato niente!

  • Accarezzare per taaaanti minuti un cane tristone

Sorridi, cane!

  • Girovagare in un mercatino dell’artigianato La Boca

El Mercado de La Boca

 

Erika che osserva

Elena che spia

ITALO TI AMO!

  • Emozionarmi sul divano guardando un BEL film di Pupi Avati, Il cuore grande delle ragazze

Il cuore grande delle ragazze, un film perfetto.

Elenco delle cose che hanno reso questa domenica 3 giugno a Madrid BRUTTA:

  • Fare la pennichella di sera, dalle 19.30 alle 20.30, svegliarmi stordita e non riuscire a scrivere un post intelligente (ho bisogno di vacanze!).

Perdonatemi ;)

Read More →

Un quartiere estremo di Madrid: LAVAPIES!

Questo post di oggi è per Stefania, che da Hong Kong(da Hong Kong, mica da Barletta!saluto gli amici di Barletta!) mi ha detto che il mio blog è interessante e mi ha chiesto informazioni su Lavapiés, un quartiere estremo in una città estrema, nonché il MIO QUARTIERE PREFERITO!

Ebbene qui il tema si fa caldo, e non per dire: a Lavapiés ci sono normalmente 3-4 gradi in più rispetto al resto della città, a causa della densità di popolazione del quartiere.
Se sei un artista, un musicista, un immigrato, un frikkettone, un punkabbestia, un alternativo o un ribelle rassegnati: a Lavapiés passerai completamente inosservato, poiché sicuramente qualcuno sarà infinitamente più peculiare di te!
Il nome Lavapiés viene da una fontana che anticamente era situata al centro della piazza, dove la gente si lavava i piedi prima di accedere al tempio: questo quartiere è infatti uno dei più storici della città, antico ghetto.
Proprio per questo le strade sono strette, e le case sono casas de corredor , cioè vecchie e di piccole dimensioni, costruite attorno ad un patio. Io ho vissuto a Lavapiés 6 mesi, con un bilancio davvero positivo…se non fosse per il grande, terribile e credo unico problema che affligge il quartiere: gli scarafaggi!
Questi sono enormi, rossi , alati e con corazze durissime, ed è praticamente impossibile eliminarli.
Insomma, se vivi a Lavapiés e vedi uno scarafaggio in casa fai prima a fare i cartoni ed iniziare il trasloco!

(per la cronaca: scarafaggio in spagnolo è cucaracha, e la canzone La cucaracha tradotta sarebbe: lo scarafaggiooo-lo scarafaggioooo non può camminare, perchè non ha, perchè le mancano, le due zampe di dietroooo-la-la-la etc.)
Ma parlando degli aspetti positivi di Lavapiés posso affermare senza paura di smentite che in questo incredibile quartire si mangiano i migliori kebabs di Madrid, ci sono degli eccellenti ristoranti indiani, gustosissimi fruttivendoli arabi ed è possibile trovare qualsiasi ingrediente di qualsiasi cucina di qualsiasi piatto del mondo.
Inoltre in calle Argumosa presso La Tiendina è possibile trovare rarissimi esemplari della Terron Collection!
Inoltre la piazza di Lavapiés dista 100 metri dal Museo Reina Sofia, ed 1 km del Prado, una sola fermata di metro da Sol, 200 metri dal mercato del Rastro ed è perfetto per ir de cañas il pomeriggio!
Insomma mio caro amico che vuoi venire a vivere a Madrid, se ami le esperienze estreme Lavapiés è il quartiere che fa per te!

Read More →

Storie di capelli a Madrid

Oggi dico qualcosa di negativo su Madrid, altrimenti questo amico sconosiuto di nome Gianfranco non smette più di dire che gli da invidia che io vivo a madrid, e l’invidia è una brutta bestia.
Allora oggi vi dirò una cosa brutta di Madrid, che a me da quando vivo a Madrid mi puzzano sempre i capelli, perchè qui a Madrid sembra di stare nell’Italia degli anno ’90, che ancora si fuma in tutti i posti.
Poi siccome i ristoranti, i bar, i pubs, le discoteche e tutti i luoghi sono sempre affollatissimi, più la gente fuma un sacco, più tutti gridano perchè qui è così, che ci piace gridare, più in tutti i posti si mangia mondo fritto insomma tutto questo fà si che nei locali ci sia un caldo esagerato.
Quindi tra il sudore, il fumo, la frittura e gli schizzi di saliva di quelli che gridano i capelli puzzano. Allora ho pensato che forse per questo qui a madrid è difficile trovare qualcuno con i capelli lunghi, perchè io sono un pò maniacale e su certe cose mi fisso, e mi sono accorta che i capelli a Madrid sono piuttosto corti, se si esclude la mia maestra di danza che lei sì che ha dei capelli esagerati, che alza la media della lunghezza dei capelli di tutta la zona sud della city.
Insomma io ho pensato che forse quando proibiranno di fumare nei locali la gente inizierà a farsi crescere i capelli, che con tutto questo fumo è faticoso lavarsi la testa tutti i giorni.
Poi sempre sviscerando questo interessantissimo tema dei capelli io devo dire che a La Signora tutti sono abbastanza fissati con il gel, che in spagnolo si chiama gomina. Della gomina si fa un vero abbuso, che io non so perchè a volte la gente esprime il suo disprezzo per il mondo accanendosi contro i capelli, evvai di gomina, che tutta la testa diventa un blocco di boccoli viscido e duro.
Poi vorrei dirti, mio caro amico italiano che vuoi venire a vivere a Madrid, che qui è davvero difficile trovare un parrucchiere bravo.
Che io a luglio mi feci la tinta in casa e tutti a dirmi sei matta-sei matta ma io non sono matta, io so quello che possono fare qui i parrucchieri e preferisco farmelo da sola. A lavapies io ero stata da una giovane parucchiera cubana che ora, a pensarci, io sono sicura di essere stata la sua unica cliente. Che mentre stavo lì sotto le sue mani io le chiesi se le piacesse La Signora e quella mancava poco che mi strappasse tutti i capelli, tanto dolore e nostalgia di Cuba le feci riaffiorare.
Comunque io non voglio assolutamente rovinare il mercato già miserrimo della giovane parucchiera cubana, quindi non ti darò nessun indizio per non trovarla, invece sì che ti dirò di stare alla larga da una catena di parrucchieri che si chiama Marco Aldany.
I prezzi sono molto bassi, ma non quanto la bravura di coloro che ci lavorano! Non andarci!

Read More →