La Verbena de la Paloma

Nel dialetto barese (ma probabilmente in italiano!!!) la parola “paloma” indica il piccione, inteso come volatile (e non come l’organo sessuale femminile).

In spagnolo Paloma oltre ad indicare il volatile é anche un nome proprio di persona, ed é ovviamente anche una vergine, la Virgen de la Paloma, a cui si dedica una delle piú grandi feste della cittá: las Fiestas de la Paloma, conosciuta anche come Verbena de la Paloma (la verbena non é altro che una festa di carattere popolare).
spagna curiositá madrid

L’epicentro della Verbena de la Paloma é calle Toledo, al lado de mi casa, quindi inutile dire che Paloma per me é una santa speciale: condividiamo il quartiere, una sconfinata passione per i fiori, i colori, il folklore e…l’amore per i pompieri!
Infatti Paloma li protegge (é la patrona dei pompieri) e io ne apprezzo le virtú fisiche. Paloma, ¡amiga mia!

(piccola nota personale: sono particolarmente fiera di possedere il calendario Bomberos con niños, cioé pompieri con bambini. Nelle foto fustacchioni in uniforme giocano con bebé. Il target é chiaramente il mio: la trentenne lacerata tra la voglia di maternitá e l’ormonella matta. Tutti criticano il mio calendario, soprattutto PischiOne, ma so che Paloma la Virgen lo apprezza dall’alto dei cieli!)

madrid feste

Inizialmente questa vergine era chiamata Virgen de la Soledad, per l’espressione triste e solitaria del suo viso su un dipinto trovato nel 1787. Una vicina del quartiere compró il quadro da alcune suore e lo espose fuori casa, in Calle de la Paloma. L’immagine inizió ad attrarre numerosi madrileni e proprio per questo cambió nome, in riferimento alla strada che ospitava il ritratto. Nel 1891 l’immagine du poi trasferita allla Parrocchia della Paloma.

Di questa festa bisogna dire due cose fondamentali: la prima é che la Virgen de la Paloma chiude una trilogia di verbenas: Cayetano (il 7 agosto) e San Lorenzo (il 10 agosto), feste che si svolgono tra il Centro e Aganzuela, in due quartieri contigui.
Nelle tre verbenas si celebra il concorso di “mantones de manila” decorando balconi e strade con i mantelli ricamati, si balla il chotis e si degustano i piatti tipici di Madrid.
madrid paloma

verbena de la paloma

madrid la latina

madrid fiestas

In particolare a Paloma si offrono fiori, in una processione che si svolgerá il 15 agosto.
madrid paloma virgen

Proprio come per San Isidro sei vuoi fare davvero onore a Madrid dovrai vestirti da Manolo o Goyesco, a seconda del tuo status sociale.
madrid feste popolari

Manolo é una derivazione colloquiale di Manuel, un nome molto comune a Madrid. Sinonimo di majo (maja o manola per le donne) indica un uomo guapo, valiente e chulo cioé bello, coraggioso e figo. Il suo abbigliamento é semplice ma bello, una sorta di hipster della Madrid del ’700
chulapos

Goyesco é un termine che viene dalla pittura di Goya, che raffigurava le classi alte della societá spagnole. I vestiti del goyesco sono di vellutti, pizzi e ricami: praticamente i fighetti di fine ´700
goyesca-01

Tu ti senti piú Manolo o piú Goyesco? Decidi e vestiti di conseguenza!

Qui potrai trovare tutto il programma della festa, a cui io PURTROPPO non ci saró perchè devo andare a un matrimonio. Ma si puó essere cosi stronzi da sposarsi nel fine settimana della Fiesta de la Paloma??? Evidentemente SI!

¡Que vivan los novios y la Paloma!

Read More →

La fiesta de la Paloma: quando la città diventa paese

Ad agosto Madrid è calda, ma non di temperatura (non solo!) ma di passione. Cosa emoziona, entusiasma, turba e conturba la città? Las fiestas di quartiere, che trasformano la nostra grandissima capitale in un paesino. Musica, cibo di strada, choti e zarzuela (i balli tipici madrileni) e ovviamente gli immancabili chulapos.

yo soy chulapa dentro

Siamo nel periodo de las verbenas, cioè delle feste popolari che si celebrano nella città. Il 2 agosto terminarono quelle di San Cayetano, il 9 iniziarono quelle di Lavapiés e il 15 sará il giorno centrale de las fiestas de la Virgen de la Paloma, che hanno come scenario il fantastico quartiere de la Latina.
Chi è Paloma? E che cosa si festeggia? Paloma era una signorina che non conosceva peccato carnale (che peccato!), e la sua venerazione iniziò nel 1790 quando Isabel Tintero collocò sul portone della sua casa l’immagine della Vergine, e tutti i vicini iniziarono ad avvicinarsi per chiedere cure e miracoli, proteggere i bambini e aiutare le donne incinte.

Paloma aiutaci tu!

Come amano ripetere i madrileños “La Paloma no es patrona de Madrid, pero sí reina plenamente en muchos corazones humildes que habitan en la Villa”
Oltre ai grandi topici delle feste spagnola (alcol, musica e balli) questa festa riserva piacevoli sorprese per i coraggiosi che sfidano il caldo e restano a Madrid ad agosto: percorsi gratuiti in gruppi di 30 persone che per due ore retrocedono al XVI secolo, quando Felipe II trasferì la sua corte a Madrid trasformando la città in capitale.
Se vuoi vivere questa meravigliosa esperienza dovrai semplicemente recarti al Centro del Turismo di Plaza Mayor venerdì 16 alle 11.00 o alle 19.00 e prenotare il percorso.

Se più che la storia dell’arte quello che ti appassiona è il buon cibo la Paloma soddisferà anche te: in calle Salitre un paio di bancarelle offrono limonata gratis a partire dalle ore 21.00. Limonata di limoni e zucchero?? Ovviamente no! La limonada castiza, fatta con il vino bianco.
Mentre tutto suona a festa anche gli odori della città cambiano: gallinejas e entresijos inebriano le nostre narici.

io non ce la posso fare

Che sono?? Interiora di gallina e di maiale spezzettati e fritti. Solo per i più audaci.
Se Madrid ti appassiona cerca dei voli Ryanair per venire a vivere La Paloma in prima persona: non te ne pentirai!

Read More →