Offese in spagnolo

Questo post di oggi lo dedico a CarmenC e LorenzoMan che dopo il post sulle espressioni volgari in spagnolo mi hanno chiesto di continuare a raccontare qualcosa sulgli insulti della penisola Isterica (hjhjh!).

Un’offesa che io amo tantissimo è malfollado o malfollada, a seconda se si riferisce a un uomo o una donna. Si pronuncia malfoiado/a (la doppia L è I, come nel caso di paella) e letteralmente significa mal scopato, dal verbo FOLLAR (fare l’amore).
Allude chiaramente a una persona di cattivo umore perché supuestamente scopa male, o (San Isidro non voglia!) non scopa affatto!
Se vuoi dirlo alla madrileña dovrai troncare la D e aggiungere un paio di O finali dicendo MALFOLLAOOO, che a Madrid si usa così!

tipica espressione del MALFOLLADO!

Insomma questa offesa è sicuramente tra le più terribili che si possano dare e ricevere, quindi sii parco nell’usarla!!!
Se invece vuoi offendere in modo più elegante potrai definire qualcuno mal nacido, cioè nato male.
Questa espressione indica una persona che si comporta male, ma che probabilmente scopa. O almeno vogliamo sperarlo!
Se le volgarità spagnole te ponen ti invito a leggere anche joder, parolacce in spagnolo e cachondo

E adesso il momento della sincerità anonima:

A volte sei stato MAL FOLLADO??
  
pollcode.com free polls 
Read More →

CACHONDO:quando la grammatica è DAVVERO importante!

Una parola spagnola molto molto interesante è cachondo.
Si tratta di un aggettivo che ha significati molto diversi a seconda del verbo con cui si usa e, ovviamente, del contesto della frase. Si pronuncia CACIONDO al maschile e CACIONDA al femminile (Ch si legge CI) e i suoi significati sono prevalentemente due:
essere simpatico, divertito, piacevole
essere eccitato sessualmente
(!!!)
Quindi mia cara amica italiano che vuoi venire a vivere a Madrid, se stai parlando con qualcuno e vuoi dire che tu sei una persona simpatica devi dire “soy cachonda” (appunto sono simpatica) e non “estoy cachonda” (cioè sto arrapata!!): capisci adesso perchè è importante usare bene questo verbo?? Le reazioni del tuo interlocutore potrebbero essere le piú disparate!

Il dizionario salverà il mondo!

SOY, di essere, indica una condizione permanente dello spirito, mentre ESTOY, di stare, di riferisce a una fase transitoria, per cui l’aggettivo CACHONDO cambia completamente di significato, un pò come il verbo JODER

Quindi ad esempio il tuo collega gnoccone potrai definirlo “tío cachiondo”, il che non significa che è simpatico, ma solo che apprezzi la sua forma fisica (cioè che està como un queso)!
Se invece è simpatico ma non ti piace dirai “el tío este es un cachiondo”, per dire che la sua anima è cachionda, ma purtroppo il suo corpo non accompagna tal cachondagine.
Poi ovviamente nella lingua parlata le regole grammaticali sono relative, per cui potrai definire il tuo collega cachondisimo per dire che ha tutto: fascino e simpatia!

Da cachondo deriva CACHONDEO, aggettivo che si riferisce a situazioni caotiche, divertenti e poco serie:
¿Pero qué cachondeo es este? Però che situazione poco seria è questa?
¡este curso no es un cachondeo! Questo corso non è una cretinata!

Quindi il verbo cachondear, cioè prendere in giro qualcuno, burlarsi di qualcuno:
cachondeando de los políticos prendendo in giro i politici

Che tu sia cachondo o no presta molta attenzione usando questo verbo:
¡Podrían cachondearse de ti, lo cual molestaría a cualquiera, también un cachondo!

Ti piace leggere queste curiosità sulla grammatica spagnola e su Madrid? allora devi scaricarti due app (non una, ma ben due!) di vivereamadrid: la app del blog  (vivereamadrid)e la app sui proverbi spagnoli (proverbi spagnoli), per conoscere la cultura e la grammatica spagnola in modo simpatico tramite i proverbi più usati nella penisola isterica!

Read More →