El pincho, un grande momento

Una cosa molto carina della vita mia vita in Spagna è l’abitudine del pincho, che si fa tutte le volte che si può.
Io lo faccio tutti i venerdì con i miei colleghi, nel bar sotto il lavoro che noi chiamiamo “Paco”, anche se il suo vero nome è un altro, soconociuto e che, credo, non sapremo mai.
“Paco” è un bel nome generico per un bar in Spagna, sarebbe come il “bar sport” in Italia, quindi se un giorno vieni a Madrid e ti innamori di un bar ma non conosci il suo nome potrai sempre chiamarlo “Paco”, per incrementare la tua relazione d’affetto con la locanda e dare un tocco personale al luogo.
Dunque tornando al pincho la prima cosa che devo dire su questa parola è che si pronuncia “pincio”, perchè in spagnolo il CH si legge “ci”. Per esempio la marca “chicco” gli spagnoli la pronunciano “cico” e così via. PINCHO significa, ovviamente, molte cose:
punta acuta
barretta di metallo con un manico e una punta dentata
e poi il MIO pincho: una piccola porzione di cibo che si usa per fare l’aperitivo.
Il pincho più tipico è quello di tortilla, ma siccome tu sai che sono allergica alle uova e non posso mangiare la tortilla per me il pincho tipico è la pulga de queso, cioè un piccolo panino di formaggio di capra puzzona.

viva le pecore!


L’altro giorno Paco mi ha chiesto perhcè non prendo mai il pincho de tortilla, e gli ho detto che sono allergica alle uova. E lui mi ha risposto che non c’entra niente, perchè la tortilla non è fatta con le uova, per via del rischio salmonella, e che mettono la huevina, no le uova vere.
Io non gli ho risposto niente ma mi sono subito sentita molto confusa: querido Paco, ma allora questa frittatona alta quanto mio nipote di 5 mesi è tutto un bluff??
Bho, questo è uno dei misteri di Paco. L’altro mistero è l’acconciatura della cameriera, ma quello non si può raccontare, lo devo testimoniare visualmente con una foto.
Un altro pincho famoso è il PINCHO MORUNO, che è uno spiedino di carne alla brace, buonissimo. Paco non lo fa.

il pincho moruno piace


Pincho ha anche un verbo, PINCHAR, che però non ha niente a che vedere con la cucina. Significa:
conficcare qualcosa di appuntito
iniettare
stimolare
arrabbiarsi
mettere i dischi
forare

Quando si va “a tomar el pincho” ovviamente si beve qualcosa, e questo qualcosa è quasi sempre la birra. Però se vai con i colleghi non ordinare la birra!!! Ordina un succo di frutta, o un refresco come in Spagna chiamano tutte le bevande analcoliche: cocacola, fanta, sprite, acquarius,e chi più ne ha più ne metta.
Si mangiucchia, si bevucchia e si charla, cioè si parla, di cose leggere: scandali famosi, musica, programmi per le vacanze e cose così. Il pincho è un momento spensierato, non si dicono cose serie nel pincho time!

Quello del pincho è un bel momento, io me lo godo sempre. Io aspetto con grande gioia il venerdì per tomar un pincho.

Read More →