IL re di Spagna chiede SCUSA!!!

Oggi sono stata a vedere una stupenda mostra di fotografia di Lewis Hine, però non posso raccontare le emozioni vissute perché la politica spagnola in questi giorni è densa di eventi, e lascia davvero poco spazio all’arte e alla sublimazione dell’anima.
Dunque la prima cosa davvero scioccante del giorno è vedere il nostro malandrino re Juan Carlos chiedere scusa davanti alle telecamere per la prima volta in più di 30 anni di regno!
Ma perché chiede scusa?? Per tutto direi, e soprattutto per quello che non sappiamo!!
Iniziando dallo scandalo che ha visto come protagonista suo genero Urgandarin per finire con le sue vacanze imbarazzanti: una battuta di caccia all’elefante (peraltro a pagamento!!) occultata a tutti (quando il Re per uscire dal Paese deva avvisare il Presidente del Governo, per ragioni di sicurezza) e venuta fuori solo per la rottura del femore del monarca.

Come mi piacerebbe partecipare a una CACCIA AL RE!

E adesso il lato oscuro di questa storia oscura: pare che Juan Carlos sia andato in Africa invitato da Mohamed Eyad Kayali, impresario saudita e braccio destro del principe saudita Salman, ministro della Difesa del Regno e amico intimo del re… e persona chiave nel contratto della creazione di un AVE (treno di alta velocità) tra La Mecca e Medina che sarà fatto da imprese spagnole!!!
Hai visto?? anche in Spagna e in Arabia Saudita, così come in Italia, si crede molto nell’amiciziaaaa!!!
È proprio vero che tutto il mondo è paese!

Insomma il re chiede scusa, e per una volta che lo fa godiamoci il momento!

La seconda cosa scioccante riguarda la riforma sanitaria spagnola e la racconto domani… adesso pigiama, copertina e divano, che non è proprio un buon momento per ammalarsi questo!

Read More →

Monarchia, monarchia canaglia

Iniziamo il 2012 con un bello SCANDALO, che a me piacciono le emozioni forti, mica pizza e fichi.
Lo scandalone iberico in questione si chiama caso Palma Arena Urdangarin: Palma Arena è un polisportivo situato a Palma de Mallorca, tristemente famoso per un caso di corruzione.
Il Palma Arena aveva un presupposto di 48 milioni di euro ma finì costandone più di 100: la Fiscalía Anticorrupción iniziò a investigare e scoprì diverse tristi porcellerie, che vedevano protagonista il signor Urdangarin, DUCA DI MALLORA e (ATTENZIONE ATTENZIONE) GENERO DEL MISMISSIMO RE JUAN CARLOS, cioè marito dell’ infanta Cristina, figlia di Juan Carlos e Sofia.

Il Re Juan Carlos, Urdangarin il furbacchione e l’Infanta Cristina

Per farla breve il caso Palma Arena Urdangarin vede implicato questo signore in truffa, appropriazione di denaro pubblico, evasione fiscale, falsi documenti e riciclaggio perché (pare, eheehe!) che approfittando della suo titolo di Duque consorte de Palma de Mallorca truccasse le gare di appalto del SUO Istituto Nóos (che in teoria era una ONG, cioè una fondazione senza scopo di lucro che si dedicava al patrocinio sociale e deportivo!!!) per rubacchiare il denaro dello stato e trasferirlo in paradisi fiscali!!! LADRONEEE!!!
In concreto il fattaccio è venuto a galla perche questo Istituto Nóos aveva dei pagamenti irregolari per bene 6 milioni di euro!!!
Hai capito il Duque consorte de Palma de Mallorca?? Dunque il grande interrogativo di questi giorni è: ma il Re Juan Carlos sapeva o non sapeva??? Forse si, ma lui ovviamente dice di no, e ha rimarcato subito la sua completa estraneità all’accaduto.
Ma la verità vera è che qualche anno fa, quando si scoprì il caso Palma Arena il Re in persona invitò fortemente Urdangarin e sua figlia a trasferirsi negli Stati Uniti. Perchè??? Temeva forse qualcosa??
La cosa più interessante di tutte è che oggi ElMundo  ha pubblicato un inquietante sondaggio sulla monarchia spagnola secondo cui il 60% degli spagnoli crede che la monarchia sia la miglior forma di governo per la Spagna!!! ¡FLIPO!
Il 25 febbraio Urdangarin sarà FINALMENTE processato e ne sapremo qualcosa in più, ma intanto a noi onesti cittadini i soldimi rubato allo stato chi ce li restituisce???? eheh??
Urdangarin, che ti venga un herpes zoster!

Read More →